Venerdì 21 Luglio 2017 - 07:15

Scossa 6.7 tra Grecia e Turchia: due morti, oltre 150 feriti

Paura a causa di un mini tsunami nella città turca di Bodrum. Le vittime sono un turista turco e uno svedese

Una forte scossa di magnitudo 6.7 ha colpito la costa turca e le isole greche del mar Egeo intorno all'1.30 della notte di venerdì uccidendo due persone. L'epicentro del terremoto è stato individuato ad appena 10 chilometri di profondità, in un punto situato tra le isole di Rodi e Kos, secondo l'istituto geodinamico di Atene. Le due vittime, un turista turco e uno svedese rispettivamente 27 e 39 anni, si trovavano in vacanza a Kos ed erano in un bar quando il tetto è collassato.

Il sindaco di Kos, Yorgos Kiritsis, ha parlato di ingenti danni e panico tra residenti e turisti che hanno abbandonato le abitazioni per paura di crolli. Secondo le prime valutazioni a Kos sono crollate la chiesa di San Nicola e parte della moschea di piazza della Libertà. Danneggiuata gravemente anche la chiesa di Agia Paraskevi. Le scosse si sono sentite anche su isole come Creta e Rodi. Situazione complicata anche al porto

dove, per ora, le grandi imbarcazioni non possono attraccare. Due navi, rispettivamente con 260 e 80 passeggeri a bordo, sono state dirottate verso altre isole. Un portavoce del ministero dei Trasporti e delle infrastrutture, Jristos Spiritzis, ha dichiarato all'agenzia di stampa Amna che si attende arrivi sull'isola un team di esperti per valutare i danni. In generle, però, sull'isola è tornata la calma. Testimoni sul posto raccontano che il gtraffico scorre normalmente e la maggior parte dei negozi sono aperti. Kos ha 30mila abitanti e ospita, oltre ad alcune migliaia di turisti, anche tremila migranti alloggiati in diverse strutture sotto l'Alto patrocinio dell'Onu.

Cinque delle 90 persone rimaste ferite sono in gravi condizioni. Lo fanno sapere le autorità. Mentre 75 persone sono state dimesse dagli ospedali in cui hanno ricevuto le prime cure, 15 sono rimaste ricoverate. Le cinque che hanno ferite gravi sono state trasportate, oppure lo saranno, in ospedali fuori dall'isola. Si tratta di due svedesi, uno dei quali ha riportato un'emorragia cerebrale mentre all'altro sono state amputate entrambe le gambe; una cittadina norvegese ha una frattura alla tibia; di due greci le condizioni non sono note. 

Il sisma ha innescato uno tsunami nel Mediterraneo che ha scatenato il panico anche nella città turca di Bodrum, dove è scoppiato anche un incendio. I turisti sono stati costretti a evacuare gli alberghi e affollare le strade. Sono almeno 70 le persone feritesecondo la tv turca. Nella città costiera di Marmaris sono stati allagati gli hotel sulla spiaggia, pieni di turisti britannici. Gli equipaggi di salvataggio stanno lavorando da tutta la notte per estrarre le persone da sotto le macerie degli edifici.

Loading the player...

Tramite i social network i turisti italiani presenti sull isola di Kos raccontano la paura vissuta nella notte. "Nottataccia qua a #Kos dopo il #terremoto avvenuto nelle acque turche. Si susseguono tante scosse di media intensità", dice Angelo su twitter. Federica, in vacanza anche con un bimbo piccolo, parla di notte "passata a guardare le stelle". "Stiamo bene sono tanto spavento", aggiunge. Altri pubblicano varie foto delle case lesionate mentre in tanti che hanno villeggiato nell'isola greca rivolgono un pensiero agli abitanti. 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A fire is seen in Manhattan, New York

New York, incendio in un palazzo di sette piani a Manhattan

È successo nella zona di Hamilton Height. Non ci sarebbero feriti

Terrorismo, Isis minaccia cristiani con foto Papa decapitato

Un messaggio di minaccia contro "i fedeli della croce"

Attentato Barcellona, gli oggetti in memoria delle vittime saranno trasferiti al Museo di Storia

Attentati Catalogna, la mente era un informatore dei servizi segreti

La rivelazione del quotidiano El Pais, confermata da Madrid. Si tratta dell'Imam di Ripoll: Abdelbaki Es-Satty

A protestor holds the Catalan flag as he awaits the arrival of sacked Catalan President Carles Puigdemont at court in Brussels

Catalogna, rinviata decisione su estradizione Puigdemont, udienza il 4/12

I mandati europei sono stati spiccati per sedizione, ribellione, malversazione, disobbedienza e prevaricazione