Martedì 07 Giugno 2016 - 12:15

Scoperto mix di terapie efficace contro il cancro della pelle

E' stata riscontrata una riduzione del 58% del rischio di progressione della malattia

Scoperto mix di terapie efficace contro il cancro della pelle

La combinazione delle terapie immuno-oncologiche è la strada da seguire per rendere il melanoma una malattia cronica con cui il paziente può convivere tutta la vita. L'associazione di nivolumab e ipilimumab ha permesso di ottenere una sopravvivenza libera da progressione significativamente più lunga, tassi di risposta obiettiva più elevati e una riduzione notevole del volume del tumore. Questi risultati emergono dallo studio di fase III Checkmate -067, che ha coinvolto 945 pazienti, presentato al 52° Congresso dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) che si chiude oggi a Chicago.

"La combinazione nivolumab e ipilimumab ha dimostrato un beneficio clinico prolungato con una riduzione del 58% del rischio di progressione della malattia rispetto a ipilimumab in monoterapia, mentre nivolumab in monoterapia ha dimostrato una riduzione del rischio del 45% rispetto a ipilimumab in monoterapia - spiega il professor Paolo Ascierto, presidente della Fondazione Melanoma e direttore dell'Unità di Oncologia al 'Pascale' di Napoli -. Inoltre con l'associazione di queste due armi si raggiunge fino al 58% di risposta obiettiva, rispetto ad esempio al 44% ottenuto con la monoterapia con nivolumab e al 19% con ipilimumab. La risposta obiettiva rappresenta un importante indicatore dell'efficacia del trattamento, strettamente legato all'esito favorevole a lungo termine, cioè alla sopravvivenza. Significativa anche la riduzione del volume tumorale, pari al 51,9%, rispetto sia alla monoterapia con nivolumab (34,5%) che a quella con ipilimumab (5,9%)".

Nel 2015 in Italia sono stati stimati quasi 11.300 nuovi casi di melanoma in Italia. L'incidenza della malattia è da anni in costante ascesa sia negli uomini (+3,2%/anno) che nelle donne (+3,1%/anno). E 129mila persone vivono dopo la diagnosi (43% uomini). "A Chicago stati presentati anche i risultati di un'analisi post-hoc dello studio di fase III CheckMate -069. Sono state osservate risposte durature con il regime di combinazione in un sottogruppo di pazienti che hanno interrotto la terapia a causa degli eventi avversi correlati al trattamento. Queste risposte erano in linea con quanto emerge nella nella popolazione generale".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Un test per fotografare il cancro: la nuova frontiera della lotta alla malattia

L'esame sfrutta il 'Tumor Mutational Burden', un biomarcatore che misura le alterazioni molecolari

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti

Lancio di palloncini e Duomo illuminato di rosa per la ricerca contro il cancro

Un figlio dopo il cancro. Sette donne su dieci ci riescono

Uno studio di Institute Marques (Barcellona). Le tecniche lo permettono e la recidiva è molto bassa