Venerdì 27 Maggio 2016 - 13:15

Paziente infetta da batterio immune a ogni antibiotico

L'allarme è partito dalle autorità sanitarie degli Stati Uniti

Scoperta paziente infetta da batterio immune a ogni antibiotico

Allarme dalle autorità sanitarie degli Stati Uniti che hanno individuato per la prima volta nella storia del Paese una paziente infetta da un batterio resistente a tutti gli antibiotici conosciuti, e hanno espresso forte preoccupazione riguardo la possibilità che questo super-batterio possa diventare molto pericoloso se si diffondesse, andando a peggiorare le infezioni più comuni. "Rischiamo di ritrovarci in un mondo post-antibiotici", ha predetto il direttore del Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), Thomas Frieden, parlando del caso di una donna di 49 anni della Pennsylvania che ha un'infezione alle vie urinarie apparentemente inarrestabile.

Parlando a un pranzo al circolo nazionale della stampa a Washington, Frieden ha detto che nemmeno la colistina, un antibiotico il cui utilizzo è riservato ai "batteri da incubo", è in grado di portare sotto controllo quell'infezione. L'infezione è stata resa nota ieri in uno studio su Antimicrobial Agents and Chemotherapy, una pubblicazione dell'American Society of Microbiology. Lo studio afferma che il batterio che ha colpito la donna è stato a sua volta infettato da un piccolo filamento di Dna chiamato plasmide, che ha trasmesso al batterio un gene chiamato mcr-1 rendendolo resistente alla colistina. "Questo annuncia l'arrivo di batteri veramente in grado di resistere a qualunque farmaco", si legge nello studio, condotto dal Centro medico nazionale militare americano Walter Reed.

 

"Per quanto ne sappiamo, questa è la prima volta che vediamo il mcr-1 negli Stati Uniti", afferma ancora il documento. "È pericoloso e possiamo ipotizzare che può diffondersi rapidamente, anche in un ambiente ospedaliero, se non viene contenuto adeguatamente", ha detto la dottoressa Gail Cassell, microbiologa e docente alla scuola medica di Harvard.
Tuttavia, ha aggiunto, la velocità potenziale di diffusione del super-batterio resterà sconosciuta fino a quando non si saprà di più su come la donna infetta vi sia entrata in contatto. Il gene mcr-1 è stato individuato per la prima volta in maiali e persone l'anno scorso in Cina. Un altro gene resistente a tutti i farmaci noti era stato scoperto nel 2010 in India.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Regno Unito, allarme in base Usa: auto contro barriere, un arresto

La struttura a Mildenhall è stata posta in lockdown

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Vantaggi fiscali illeciti a Ikea. L'Unione Europea indaga sull'Olanda

Due norme fiscali avrebbero favorito il colosso svedese dei mobili nei confronti della concorrenza. Ricavi spostati in Lussemburgo e Liechtenstein

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, raid Israele su obiettivi Hamas in Striscia Gaza

L'attacco in seguito ai razzi lanciati dalla zona palestinese

Libano, autista Uber confessa: "Ho ucciso la diplomatica britannica". Arrestato

Incastrato dalle riprese delle telecamere di sorveglianza stradali, che hanno filmato la sua auto