Domenica 23 Luglio 2017 - 14:15

Schulz: "Ridistribuire i migranti. Ne parlerò con Paolo Gentiloni"

Il leader socialdemocratico tedesco vuole affrontare il tema "altamente esplosivo". E attacca la Merkel

German Foreign Minister Gabriel and SPD candidate for chancellor Schulz at the foreign ministry in Berlin

La situazione dei flussi migratori è "altamente esplosiva". Lo ha dichiarato il candidato dell'Spd alla cancelleria tedesca, Martin Schulz, in un'intervista a Bild am Sonntag. Schulz incontrerà giovedì il premier Paolo Gentiloni in Italia e fa sapere di volergli parlargli di misure immediate e della redistribuzione dei migranti tra i vari Paesi dell'Unione europea. Schulz ha poi criticato la cancelliera tedesca Angela Merkel, accusandola di "ignorare", in modo "cinico" e sbagliato, il problema non volendo prendere provvedimenti fino alle elezioni di settembre.

"I numeri in Italia sono preoccupanti, ogni giorno migliaia" di migranti arrivano sulle coste del Paese, ha detto Schulz: "Se non vogliamo si ripeta ciò che abbiamo sperimentato nel 2015 dobbiamo agire ora, mentre gli italiani stanno raggiungendo il limite di ciò che possono fare". E il candidato cancelliere sottolineato che gli altri Paesi dell'Unione europea devono aiutare l'Italia, anche accogliendo dei rifugiati.

Schulz ha aggiunto di aver parlato ieri, sabato 22 luglio, con il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, degli aiuti logistici o economici che Bruxelles può offrire ai Paesi pronti ad accogliere i profughi. Ha sottolineato anche che parlerà sia con il governo italiano, sia con la Commissione europea, nella prossima settimana. Secondo l'ultimo sondaggio Emnid, i conservatori di Merkel sono al 38% in vista delle elezioni, l'Spd è al 25%.

E il leade Spd ha anche criticato la sfidante alle elezioni affermando: "Nel 2015 più di un milione di profughi è arrivato in Germania, largamente incontrollato. A quel tempo la cancelliera aprì i confini austriaci. Con motivi umanitari di buone intenzioni, ma sfortunatamente senza consultare i partner in Europa. Se non agiamo ora, la situazione rischia di ripetersi".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana