Venerdì 15 Aprile 2016 - 13:00

Trivelle, tutto ciò che c'è da sapere sul referendum

Come e quando si vota, il quesito in esame, i possibili scenari post-consultazione

SCHEDA Trivelle, tutto ciò che c'è da sapere sul referendum

Cresce l'attesa per il referendum del 17 aprile, quando gli italiani saranno chiamati ad esprimersi sul tema delle trivellazioni in mare per la ricerca e l'estrazione di gas e petrolio. Il referendum è abrogativo, cioè si propone di cancellare l'articolo del codice dell'ambiente che permette le trivellazioni fino a quando il giacimento è in vita. A proporlo sono stati nove consigli regionali - Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Veneto - preoccupati per l'impatto ambientale e sul turismo delle attività estrattive in corso entro le 12 miglia dalle coste italiane.

COME E QUANDO SI VOTA. Si vota domenica 17 aprile dalle 7 alle 23: una data decretata dal consiglio dei ministri che ha suscitato polemiche tra i sostenitori del sì per il mancato accorpamento del referendum alla tornata amministrativa di fine primavera. Perché sia valido, il referendum dovrà raggiungere il quorum, ovvero la partecipazione del cinquanta percento più uno degli aventi diritto.

Per partecipare i cittadini italiani che hanno compiuto il 18esimo anno di età dovranno recarsi nel proprio seggio di appartenenza con tessera elettorale e documento di identità. Per la prima volta potrà partecipare anche chi risiede temporaneamente all'estero, con una consultazione per corrispondenza organizzata dagli uffici consolari.

IL QUESITO. Le Regioni avevano promosso sei quesiti ma solo uno è stato ammesso dalla Cassazione, visto che gli altri erano stati superati dalle modifiche alla legge di stabilità. Questo il testo del quesito: "Volete voi che sia abrogato l'art. 6, comma 17, terzo  periodo,  del decreto  legislativo  3  aprile  2006,  n.  152,  'Norme  in  materia ambientale', come sostituito dal comma 239 dell'art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 'Disposizioni per la  formazione  del  bilancio annuale e  pluriennale  dello  Stato  (legge  di  stabilità 2016)', limitatamente alle seguenti parole: 'per la durata di vita utile  del giacimento,  nel  rispetto  degli  standard  di  sicurezza  e  di salvaguardia ambientale'?". Il referendum riguarda solo le attività già in corso entro le 12 miglia marine dalla costa, non quelle  sulla terraferma. Nuove attività entro la stessa distanza sono già state vietate dal codice dell'ambiente. Votando sì, si esprime la volontà di abrogare l'attuale norma; votando no si manifesta la volontà di mantenere la normativa esistente.

LE CONCESSIONI INTERESSATE. A oggi nel nostro mare entro le 12 miglia sono presenti 35 concessioni di coltivazione di idrocarburi, di cui 3 inattive, una è in sospeso fino alla fine del 2016 (al largo delle coste abruzzesi), 5 non produttive nel 2015. Le restanti 26 concessioni, per un totale di 79 piattaforme e 463 pozzi, sono distribuite tra mar Adriatico, mar Ionio e canale di Sicilia. Di queste, 9 concessioni (per 38 piattaforme) sono scadute o in scadenza ma con proroga già richiesta; le altre 17 concessioni (per 41 piattaforme) scadranno tra il 2017 e il 2027 e in caso di vittoria del Sì arriveranno comunque a naturale scadenza. Il referendum avrebbe conseguenze già entro il 2018 per 21 concessioni in totale sulle 31 attive : 7 sono in Sicilia, 5 in Calabria, 3 in Puglia, 2 in Basilicata e in Emilia-Romagna, una in Veneto e nelle Marche. Il quesito referendario riguarda anche 9 permessi di ricerca, quattro nell'alto Adriatico, 2 nell'Adriatico centrale davanti alle coste abruzzesi, uno nel mare di Sicilia, tra Pachino e Pozzallo, uno al largo di Pantelleria.

COSA SUCCEDE SE VINCE IL SI'. Con il sì le società petrolifere dovranno mettere fine alle loro attività di ricerca ed estrazione secondo la scadenza fissata dalle loro concessioni, e quindi secondo la data stabilità al momento del rilascio dell'autorizzazione alle compagnie, al di là delle condizioni del giacimento. Lo stop, quindi, non sarebbe immediato, ma arriverebbe solo alla scadenza dei contratti già attivi.

SE VINCE IL NO. Con il no o il mancato raggiungimento del quorum le attività di ricerca ed estrazione non avrebbero una data di scadenza certa, ma potrebbero proseguire fino all'esaurimento dei giacimenti interessati. Le concessioni attualmente in essere avevano una durata di trent'anni con la possibilità di due successive proroghe, di dieci e di cinque anni. Con una modifica apportata al testo in materia dall'ultima legge di stabilità potrebbero però rimanere 'per la durata di vita utile del giacimento'. Con il no dunque questa possibilità rimarrebbe, ovviamente nel rispetto delle valutazioni di impatto ambientale che andranno in ogni caso fatte in caso di richiesta di rinnovo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato - ddl sul biotestamento

Elezioni, Camere sciolte prima di Capodanno. 4 marzo possibile election day

Prende quota la scelta di un unico giorno di voto per Politiche e Regionali

Senato - ddl su biotestamento

Biotestamento, giovedì ok finale e sarà legge. Ecco cosa prevede

Ha retto l'asse Pd-M5S: i diversi voti a scrutinio segreto che avrebbero potuto modificare la legge sono stati respinti con una maggioranza tra i 144 agli oltre 160 consensi

Presentazione libro di Bruno Vespa "Soli al Comando"

Berlusconi: "Se non c'è maggioranza avanti con Gentiloni, poi voto". E Salvini sospende ogni incontro col Cav

L'ira del leader della Lega: "Voglio spiegazioni sul voto contrario di Fi all'iter veloce per la legge Molteni"