Domenica 19 Giugno 2016 - 08:30

SCHEDA Comunali, a Milano è sfida tra Sala e Parisi

La tenuta del centrosinistra si giocherà tutta a Milano dove il ballottaggio vede sfidarsi sul filo del rasoio Beppe Sala, l'uomo dell'Expo e di Matteo Renzi, contro Stefano Parisi, l'uomo su cui Silvio Berlusconi

Giuseppe Sala

 La tenuta del centrosinistra si giocherà tutta a Milano dove il ballottaggio vede sfidarsi sul filo del rasoio Beppe Sala, l'uomo dell'Expo e di Matteo Renzi, contro Stefano Parisi, l'uomo su cui Silvio Berlusconi è riuscito a riunire tutto il centrodestra. Il capoluogo lombardo è chiamato a scegliere il successore di Giuliano Pisapia eletto il 30 maggio del 2011 al ballottaggio con il 55,10% dei voti. La corsa per Palazzo Marino quest'anno però non offre previsioni certe sulla vittoria di uno dei candidati essendo entrambi 'impegnati' in un avvincente testa a testa.

GIUSEPPE SALA. Sono quattro le liste che sostengono il candidato del centrosinistra: Partito democratico, Italia dei Valori, Sinistra X Milano e la civica 'Beppe Sala sindaco. Noi, Milano'. Manager di lungo corso, 58 anni, milanese, Sala è stato commissario unico di Expo 2015. Nel suo curriculum esperienze da dirigente d'azienda in Pirelli e Telecom. Attuale consigliere di Cassa depositi e prestiti, incarico che lascerà in caso di elezione a sindaco, è stato dg del Comune di Milano per un anno su chiamata di Letizia Moratti. Lo scorso 5 giugno Sala ha raggiunto quota 41,7 per cento. Con lui tutta la sinistra, tranne quella più radicale che al momento non si è schierata apertamente a suo favore.

STEFANO PARISI. Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia, 'Lista civica Parisi per Milano unica', Milano popolare e Pensionati: ecco le liste a supporto di Stefano Parisi, candidato del centrodestra. Sessantenne, romano, Parisi è stato city manager di Palazzo Marino con Gabriele Albertini sindaco. Anche per lui esperienze da manager come quella in Fastweb e in Chili, piattaforma di distribuzione di film in streaming. Capo dipartimento per gli affari economici a Palazzo Chigi tra il '92 e il '97, è stato poi direttore generale di Confindustria. Lo scorso turno ha visto Parisi al 40,8%.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"