Domenica 19 Giugno 2016 - 08:30

SCHEDA A Roma Raggi sfida Giachetti per il Campidoglio

Roma torna infatti al voto in anticipo dopo le dimissioni di Ignazio Marino, primo cittadino in Campidoglio per solo due anni, e la poltrona da sindaco è contesa tra Virginia Raggi, candidata M5S, e Roberto Giachetti, del centrosinistra

Virginia Raggi e Roberto Giachetti

Sarà la sfida della Capitale a tenere banco questa sera quando si chiuderanno le urne in 121 Comuni, chiamati a scegliere il sindaco nel turno di ballottaggio. Roma torna infatti al voto in anticipo dopo le dimissioni di Ignazio Marino, primo cittadino in Campidoglio per solo due anni, e la poltrona da sindaco è contesa tra Virginia Raggi, candidata M5S, e Roberto Giachetti, del centrosinistra. Ecco i candidati in corsa.

ROBERTO GIACHETTI. Vice presidente della Camera, ex radicale, Giachetti 'romano de Roma e romanista' è candidato per il centrosinistra dopo aver vinto le primarie lo scorso marzo. Classe 1961, conosce bene il Campidoglio essendo stato dal 1993 al 2001 capo segreteria del sindaco Francesco Rutelli, entrando nel novero dei 'Rutelli boys' assieme a Filippo Sensi, Paolo Gentiloni e Anzaldi, oggi tutti sostenitori di Matteo Renzi. Tra i fondatori della Margherita, nel 2001 ne diviene segretario cittadino di Roma ed è eletto per la prima volta alla Camera dei deputati. Viene confermato alle elezioni politiche del 2006 nelle liste dell'Ulivo e alle elezioni politiche del 2008 nelle liste del Partito Democratico. È di nuovo eletto parlamentare nelle fila del Pd nel 2013 e il 21 marzo diviene vice presidente della Camera, in quota Dem, con 253 preferenze. Nel dicembre 2015 lascia l'incarico alla Comunicazione della Camera dei Deputati in dissenso con la presidente Laura Boldrini. Nel primo turno, lo scorso 5 giugno, Giachetti ha raggiunto quota 24,9 per cento delle preferenze. Per domani nessun apparentamento ufficiale con i partiti esclusi al ballottaggio, ma un richiamo, lanciato ieri in chiusura della campagna elettorale e indirizzato soprattutto agli ex Pd, alla responsabilità.

VIRGINIA RAGGI. Nata a Roma nel 1978, è cresciuta nel quartiere San Giovanni-Appio Latino. E' la candidata del Movimento 5 Stelle. Laureata in giurisprudenza all'Università Roma Tre, oggi è avvocato civilista, nello studio Sammarco. Nel 2013 è stata eletta portavoce, cioé consigliere capitolino, nelle liste pentastellate. In Campidoglio era membro delle Commissioni scuola, politiche sociali, cultura, politiche giovanili, Roma Capitale, politiche comunitarie e poi garanzia e trasparenza. Nel 2016 vince le primarie sul blog di Beppe Grillo e diventa la candidata sindaco del Movimento Cinque Stelle per Roma. Raggi al primo turno ha raggiunto il 35,3 per cento e al momento -salvo colpi di scena- è la favorita alla poltrona di sindaco di Roma. La candidata pentastellata corre con il solo appoggio del Movimento, ma dalla sua parte si è schierato Matteo Salvini che ha invitato i leghisti a votare per lei. Non esclusi anche i voti di parte del centrodestra ostili al Partito democratico e al governo di Matteo Renzi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"