Mercoledì 01 Novembre 2017 - 20:45

Scandalo molestie in Gb, si dimette ministro della difesa Fallon

È accusato di aver ripetutamente toccato le ginocchia a una giornalista in un pub nel 2002

Westminster abuse allegations

l ministro della Difesa britannico Michael Fallon si è dimesso in seguito alle accuse di molestie sessuali che lo hanno travolto. Lo conferma il suo portavoce. 

"Nel corso degli ultimi giorni sono emerse numerose accuse contro membri del Parlamento, tra cui alcune riguardanti il mio comportamento. Molte di queste sono false, ma ammetto che in passato sono sceso al di sotto degli standard elevati richiesti dalle Forze Armate che ho l'onore di rappresentare", ha scritto Fallon nella lettera di dimissioni resa nota dall'ufficio di Theresa May.

Il ministro, pezzo fondamentale del governo May, è stato accusato di aver molestato una giornalista toccandole ripetutamente le ginocchia in un pub nel 2002. Nonostante anche la stessa reporter consideri chiuso il caso avvenuto 15 anni fa, Fallon è finito nell'occhio del ciclone insieme al numero due del governo May, Damian Green. Il suo nome è spuntato nel dossier sui presunti molestatori o responsabili di "comportamenti impropri" a Westminster.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 2 morti, 7 feriti

Tre sono in gravi condizioni. Il fuoco è stato domato dopo due ore

Afghanistan, attacco all'hotel Intercontinental di Kabul: ostaggi e vittime

Un commando di 4 uomini armati ha preso d'assalto la struttura, due sono stati neutralizzato. Il quarto piano è in fiamme

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"