Venerdì 24 Febbraio 2017 - 13:30

Mediaset, indagati per aggiotaggio Bollorè-De Puyfontaine

L'indagine è stata aperta un mese fa dai pm milanesi, Fabio De Pasquale e Stefano Civardi

Scalata a Mediaset, Bollorè indagato per concorso in aggiotaggio

Il numero uno del colosso francese Vivendi, Vincent Bolloré,  é indagato dalla Procura di Milano con l'accusa di aggiotaggio in relazione all'acquisto da parte di Vivendi di quote fino al 28% di Mediaset. Ne danno notizia alcuni quotidiani spiegando che l'iniziativa deriva da un esposto presentato in procura dalla Fininvest, titolare del 40% di Mediaset. Secondo Fininvest, il gruppo francese aveva creato "le condizioni" per "far scendere il titolo Mediaset" per poi lanciare la scalata "a prezzi di sconto" con la disdetta del contratto d'acquisto di Mediaset Premium pattuito in aprile insieme allo scambio azionario del 3,5% tra Vivendi e Mediaset.  Anche l'a.d. di Vivendi, Arnauld De Puyfontaine, è indagato per aggiotaggio nell'ambito dell'inchiesta. 

Le iscrizioni del finanziere bretone Vincent Bolloré, primo azionista di Vivendi, e dell'a.d. De Puyfontaine sono avvenute nell'ambito dell'inchiesta avviata il 14 dicembre scorso per manipolazione del mercato, relativa al tentativo di scalata del gruppo francese su Mediaset. Il fascicolo era stato aperto dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale e dal pm Cluadio Civardi, dopo che i legali di Fininvest, che detiene il 40% di Mediaset, avevano presentato un esposto sostenendo che il gruppo francese avrebbe speculato sul titolo Mediaset per dare avvio a una scalata ostile.

L'estate scorsa tra i due colossi televisivi era stato raggiunto un accordo per l'acquisto della pay tv del Biscone Mediaset Premium. Vivendi avrebbe pagato Premium con un pacchetto di azioni proprie pari al 2,962% del capitale sociale. Mediaset avrebbe ottenuto anche lo 0,538% di Vivendi e girato ai francesi il 3,5% del proprio capitale. Dopo l'estate, a sorpresa, Vivendi ha bloccato l'accordo, suggerendo che i conti di Mediaset Premium fossero in una situazione peggiore rispetto a quanto era emerso in un primo momento. Le tensioni tra Vivendi e il Biscione, per i legali del gruppo di Berlusconi, avrebbero fatto crollare il titolo Mediaset in Borsa, circostanza che avrebbe aperto la strada a Vivendi per una scalata ostile. Dopo l'esposto degli italiani, i pm milanesi hanno sentito come testimone il finanziere tunisino Tarak Ben Ammar, che avrebbe fatto da mediatore tra la famiglia Berlusconi e Bolloré. Nel frattempo, i legali di Vivendi hanno consegnato in Procura i documenti che hanno depositato anche nella causa civile per danni intentata sia dal Biscione che dai francese, in piedi davanti al giudice Vincenzo Peroziello, proprio sulla rottura del contratto per l'acquisto di Mediaset Premium. La prossima udienza è stata fissata per il 21 di marzo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Infortunio sul lavoro a Palazzo Reale

Teramo, morta una donna di 48 anni: è precipitata da belvedere di Campli

Il volo da un'altezza di circa 10 metri. Per lei non c'è stato niente da fare

Pioggia in Piazza Duomo

Meteo, perturbazioni al Nord con rischio di forti temporali

Solo a metà settimana la situazione andrà migliorando con una prevalenza di tempo buono e con temperature di nuovo in rialzo

TOPSHOT-SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, anche la Germania ne accoglierà 50. Ma Praga attacca: "Richiesta di Roma è via per l'inferno"

Conte: "Solidarietà Ue sta diventando realtà". Spagna all'attacco: "Con linea dura dell'Italia si rischia disintegrazione Unione"

Presentazione Mediafriends Cup

E' morto il dottor Franco Mandelli: il presidente dell'Ail aveva 87 anni

Professore emerito di ematologia alla Sapienza di Roma, aveva dedicato la sua vita allo studio delle leucemie