Domenica 17 Luglio 2016 - 21:45

Sassari, video di botte a disabile sul web: l'aggressore si scusa

L'episodio fuori da una discoteca contro un ragazzo con disturbi

Sassari, video su botte a disabile sul web: l'aggressore si scusa

Sono arrivate tramite Facebook le scuse del 27enne di Sassari accusato dell'aggressione a un ragazzo disabile e di aver postato poi il video sul social network. "Come pubblicamente è stato il male, sarà anche il bene, perciò chiedo umilmente scusa al ragazzo cui ho fatto del male", scrive l'aggressore. Che però sembra cercare qualche giustificazione. "Sottolineo, non è un invalido - continua il posto - e l'accaduto non è privo di motivazioni seppur ugualmente ingiustificabile. Scusa alla mia famiglia e scusa agli amici e non, che hanno dovuto vedere questa m...a di video". Su Facebook il giovane è stato bersagliato da insulti e minacce.

L'episodio è accaduto il 10 luglio fuori da una discoteca di San Teodoro, in provincia di Sassari. L. I., un ragazzo di 37 anni di Olbia con fragilità mentale, seguito da psichiatri ed educatori, è stato aggredito da un giovane del suo gruppo che lo ha lasciato esanime al suolo e gli ha provocato lesioni giudicate guaribili in 45 giorni. Tutta la scena è stata ripresa con un telefonino ed il video è stato pubblicato sui social.

LEGGI ANCHE 'Aggredisce disabile e posta video sui social'

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nashville sparatoria in un locale

Usa, spari in una scuola in Indiana: due feriti, fermato sospetto

Colpita la Noblesville West Middle School di Indianapolis

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Mostro Circeo, Izzo a pm: "Nel '75 uccidemmo una 17enne veneta"

Ha raccontato ai magistrati la verità su Rossella Corazzin, sparita 43 anni fa dai boschi di Tai di Cadore mentre era in vacanza. Fu violentata da un branco di 10 uomini e poi ammazzata

L'esercito dei bambini scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni 48 ore

Nel 2017 il Telefono Azzurro ha gestito 177 casi. Il Lazio la regione più problematica