Mercoledì 01 Giugno 2016 - 08:00

Sara bruciata viva da ex, oggi autopspia e interrogatorio Paduano

Gli esami serviranno a capire se la vittima sia morta a causa delle ustioni o sia stata uccisa prima

Roma, fiori e messaggi per la ragazza carbonizzata alla Magliana

Si terrà nella tarda mattinata di oggi davanti al gip, a Regina Coeli, l'interrogatorio di garanzia di Vincenzo Paduano, reo confesso per l'omicidio di Sara Di Pietrantonio. Sempre oggi, presso l'Istituto di Medicina legale de La Sapienza di Roma verrà effettuata l'autopsia sul corpo della giovane uccisa dall'ex che non si rassegnava alla fine della loro storia. Paduano, 27 anni, e Sara, 22, erano stati insieme, allontanandosi e riavvicinandosi a più riprese, fino a venti giorni fa, quando la giovane l'aveva lasciato definitivamente. Sabato notte Paduano l'ha prima inseguita in auto, poi speronata costringendola a fermarsi, e dopo aver discusso ancora una volta con lei, le ha lanciato addosso dell'alcol e le ha dato fuoco.

L'autopsia di oggi servirà a capire, tra l'altro, se la vittima sia morta a causa delle ustioni o sia stata uccisa prima che le fiamme ne avvolgessero il corpo. Paduano è indagato per omicidio premeditato e stalking. Nella serata di oggi, a Ponte Galeria, il quartiere romano dove la ragazza viveva ed è stata uccisa, si terrà una fiaccolata in suo ricordo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Allarme bomba in via della Conciliazione a Roma

Roma, truffato due volte in un giorno, fa arrestare tre persone

L'uomo è stato preso di mira con il trucco dello specchietto. La seconda volta, gli hanno portato via tremila euro per i danni a un orologio