Mercoledì 01 Giugno 2016 - 08:00

Sara bruciata viva da ex, oggi autopspia e interrogatorio Paduano

Gli esami serviranno a capire se la vittima sia morta a causa delle ustioni o sia stata uccisa prima

Roma, fiori e messaggi per la ragazza carbonizzata alla Magliana

Si terrà nella tarda mattinata di oggi davanti al gip, a Regina Coeli, l'interrogatorio di garanzia di Vincenzo Paduano, reo confesso per l'omicidio di Sara Di Pietrantonio. Sempre oggi, presso l'Istituto di Medicina legale de La Sapienza di Roma verrà effettuata l'autopsia sul corpo della giovane uccisa dall'ex che non si rassegnava alla fine della loro storia. Paduano, 27 anni, e Sara, 22, erano stati insieme, allontanandosi e riavvicinandosi a più riprese, fino a venti giorni fa, quando la giovane l'aveva lasciato definitivamente. Sabato notte Paduano l'ha prima inseguita in auto, poi speronata costringendola a fermarsi, e dopo aver discusso ancora una volta con lei, le ha lanciato addosso dell'alcol e le ha dato fuoco.

L'autopsia di oggi servirà a capire, tra l'altro, se la vittima sia morta a causa delle ustioni o sia stata uccisa prima che le fiamme ne avvolgessero il corpo. Paduano è indagato per omicidio premeditato e stalking. Nella serata di oggi, a Ponte Galeria, il quartiere romano dove la ragazza viveva ed è stata uccisa, si terrà una fiaccolata in suo ricordo.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Perquisizione nella sede della Consip

Consip, Sessa e Scafarto sospesi dal servizio per depistaggio

Il colonnello e il maggiore dei carabinieri accusati di aver distrutto prove utili agli inquirenti

Nevicata in Piemonte - Disagi sulla A32 Torino Bardonecchia

Maltempo, ancora allerta in Liguria. Problema trasporti

I fiumi liguri sono sorvegliati speciali per rischio esondazione. Circolazione difficile ma in via di stabilizzazione

Sequestro di madre e figlia fuori dal centro commerciale Valecenter di Venezia

'Ndrangheta, blitz nel reggino: 48 arresti, sequestro per 25 mln

In manette anche l'ex sindaco e un ex assessore di Taurianova. Le accuse sono di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e porto illegale di armi