Venerdì 22 Gennaio 2016 - 19:15

Sanremo, tutte le canzoni del Festival

Un piccolo assaggio in attesa della partenza del Festival, che comincerà il 9 e durerà fino al 13 febbario

Carlo Conti, Virginia Raffaele, Madalina Ghenea e Gabriel Garko condurranno il Festival di Sanremo

Oggi, nella sede Rai di Corso Sempione a Milano, sono state presentate ai giornalisti in anteprima le canzoni che saranno in gara al prossimo Festival di Sanremo, che comincerà il 9 febbraio e durerà fino al 13. LaPresse ha potuto ascoltarle in esclusiva firmando, ovviamente, un accordo di riservatezza: non possiamo quindi riportare i testi integralmente o le musiche ma soltanto un'idea, un giudizio, un'emozione e una frase che ci hanno lasciato i vari brani. Tra le note di queste canzoni, tanti sono gli amori che finiscono, e molta è anche la mancanza e difficoltà di comunicazione tra le coppie. Ma non mancano nemmeno le denunce sociali e le domande sul senso della vita.

Patty Pravo ha presentato la sua 'Cieli immensi' (autore Fortunato Zampaglione). L'artista, che festeggia anche i 50 anni di carriera (iniziata infatti nel 1965), porta sul palco dell'Ariston una orecchiabile ballad dal ritmo soft, con alternanza di toni bassi/alti. Una frase su tutte: 'A noi bastava solo l'amore, il resto ci poteva mancare'.

Il rapper Clementino, al suo esordio a Sanremo, è reduce da uno sfogo su Facebook dove si lamentava che ignoti gli hanno bruciato la macchina sotto casa a Faibano di Camposano, il piccolo paese in provincia di Napoli dove vive. La sua canzone, 'Quando sono lontano' (autori C.Maccaro, K.Scherer e V.Stein) è molto autobiografica. Clementino parlando di se stesso si autodefinisce 'migrante'. Ma non descrive solo se stesso: la canzone è dedicata a tutti quelli che, come lui, lottano ogni giorno per un futuro migliore. E' un brano rap, ben ritmato, e c'è una parte in dialetto. Una frase: 'Guarda come cambia tutto quando sei distante'.

Dolcenera porterà a Sanremo 'Ora o mai più (le cose cambiano)' (autori Dolcenera, Finaz). Il brano è una ballad soul abbastanza lenta, dove l'artista esegue molti virtuosismi con la sua bella voce e passa da toni bassi ad alti. Molto d'effetto i forti cori gospel nel ritornello, davvero orecchiabile. Una frase: 'Non so più se davvero tu mi ami o no, o è solo abitudine'.

'Noi siamo infinito' (autori R.Casalino, D.Faini, I.Amatucci) è la canzone di Alessio Bernabei. Ritmi sempre più veloci, quasi dance, con cori nel ritornello, che ripete continuamente 'Noi siamo infinito'. Una frase: 'Io ti devo tante cose, la differenza tra luci ed ombre, tra il coraggio e l'istinto, e la paura di non fallire'.

Primo applauso da parte i giornalisti per il brano 'Un giorno mi dirai' (autori S. Grandi, G.Curreri, L.Chiaravalli) degli Stadio. Una struggente lettera di un padre alla propria figlia: il cantante immagina la ragazza che cresce e affronta i primi dolori, legati a una storia d'amore che finisce. Una frase: 'Un giorno ti dirò che ho rinunciato alla mia felicità per te, e tu riderai di me, e mi dirai che un padre non deve piangere mai (à) non deve arrendersi mai'. Terminata la canzone, vedendo la commozione in alcuni giornalisti, Carlo Conti ha stemperato la tensione dicendo: 'Meno male che io ho un figlio maschio!'.

Annalisa porterà al Festival 'Il diluvio universale' (autori D.Calvetti, A.Scarrone). All'inizio la prima strofa ricorda molto la canzone 'Sei bellissima' di Loredana Bertè, c'è un forte virtuosismo vocale e i toni sono alti, be interpretati dalla bella voce dell'artista. Una frase: 'Io non tornerò perché non hai futuro, e ho già poco tempo per me stessa, figuriamoci per gente come te'.

'Sogni e nostalgia' (autore Giovanni Pellino) è il brano di Neffa. La canzone è molto ritmata, arriva subito 'al dunque', i toni si mantengono sempre forti. Un frase su tutte: 'Può succedere che un diavolo ti stia tentando, puoi trovare sempre un angelo che poi ti salverà'.

Loading the player...

Valerio Scanu canterà all'Ariston 'Finalmente piove' (autore Fabrizio Moro), una ballad romantica, che parte lenta con il solo ausilio del pianoforte, fino a diventare molto ritmata, con toni alti nel ritornello. I giornalisti, ricordando la sua canzone che aveva vinto a Sanremo 2010, 'Per tutte le volte che..', ironizzando sul titolo hanno detto 'Finalmente piove, così tutti i laghi si riempiono', facendo ridere Carlo Conti e tutta la platea. Una frase: 'Le mie parole le puoi capire (à) le ho descritte negli attimi più ingenui di una storia che sta per finire'.

Molto particolare 'La borsa di una donna' (autori M.Masini, M.Adami, A.Iammarino), brano di Noemi, seconda canzone che si è guadagnata l'applauso dei giornalisti in sala. La ballad inizia solo con il piano, poi prende più ritmo e i toni diventano sempre più alti. La cantante paragona la borsa che una donna si porta dietro alla sua stessa vita, piena di cose, di oggetti, di emozioni e di dolori. Una frase: 'In quel disordine apparente la paura di restare sola'.

Gli Zero Assoluto porteranno 'Di me e di te' (autori T.De Gasperi, A.Filippelli, M.Maffucci, L.Vicini). C'è una parte dance e il testo è abbastanza semplice. Diversi giornalisti l'hanno definita 'banale' e non ha riscosso applausi. Una frase: 'Parlami di te e dei tuoi silenzi, parlami per non dimenticare, per non aver più paure, perché ti so ascoltare anche se poi non so cosa dire'.

Giovanni Caccamo e Debora Iurato porteranno all'Ariston 'Via da qui' (autore Giuliano Sangiorgi), una canzone molto lenta, che poi prende più ritmo, dove all'inizio domina quasi solo la voce e la musica ha un ruolo più marginale. Parte a cantare Caccamo, con il suo tono elegante, poi arriva Iurato, con una forte potenza vocale, mentre il ritornello è a doppia voce: a volte i due cantano all'unisono e a volte alternati. I toni sono piuttosto alti. Una frase: 'Mille domande ancora ti vorrei fare, soltanto a un passo ancora, a un passo dalla fine'.

I Dear Jack gareggeranno al Festival con 'Mezzo respiro' (autori S.Paviani, R.Balbo, L.Riflessi, C.Corradini). La chitarra di fondo anima questa canzone lenta, dove la voce parte da toni bassi e poi prende un poco di ritmo e toni alti nel ritornello. Il testo è semplice. Una fase: 'Mezzo respiro ancora per dare senso ai ricordi/perché odiarci non serve più'.

I Bluvertigo capitanati da Morgan porteranno invece all'Ariston 'Semplicemente' (autore Marco Castoldi), un brano dove è forte la presenza orchestrale e dove il sound è quello tipico delle canzoni dei Bluvertigo, sempre ritmate. La voce di Morgan è protagonista, il brano ha influenze un po' dance e descrive una giornata normale, quasi banale. 'Normale e Morgan nella stessa frase però sono un ossimoro', hanno scherzato i giornalisti. Una frase: 'Invitare qualcuno stasera, domani pensare di uscire, e il giorno dopo riposare, e il successivo ricominciare'.

Lorenzo Fragola si esibirà con 'Infinite volte' (autori L.Fragola, A.Filippelli, F.Ferraguzzo, R.L.Di Benedetto, R.Canale), un brano orecchiabile e molto 'sanremese'. La canzone non ha ottenuto l'entusiasmo dei giornalisti. Una frase: 'Ci siamo amati in cima al mondo, sopra tutto e sopra tutti, quanti sogni in un secondo e in un secondo li ho distrutti'.

'Blu' (autori G.Dati, I.Fornaciari, M.Fontana, D.Calvetti) è il brano in gara di Irene Fornaciari. La canzone è abbastanza lenta, tante sono le rime e sempre abbastanza banali 'blu/giù/Gesù/lassù'. Il brano prende poi ritmo con il ritornello. Una frase: 'C'è un bambino sulla spiaggia lasciato dal blu, e una donna in riva al mare mentre il sole va giù'.

Enrico Ruggeri presenterà 'Il primo amore non si scorda mai' (autore Enrico Ruggeri), e i giornalisti, seguendo le parole sul foglio con i vari testi e conoscendo lo stile inconfondibile del cantante, riescono subito a unirsi alla canzone. Il ritornello è molto forte e ritmato e lo stile è quasi dance per una canzone orecchiabile. Una frase: 'Corre forte il tempo, e ogni sentimento è nato da quello che è stato, è già diventato una spina, tutto come prima'.

Francesca Michielin si esibirà con 'Nessun grado di separazione' (autori F.Michielin, F.Abbate, Cheope, F.Gargiulo). La canzone parte leggiadra e diventa sempre più profonda, ci sono alcuni acuti ma la bella voce di Michielin non delude mai. Una frase: 'Sempre un po' distante dalle cose della vita, perché così profondamente non l'avevo mai sentita/eppure ho sentito un'emozione accendersi veloce'.

'Wake up' (autori R.Pagliarulo, S.Benussi, V.Catanzaro) è la vivacissima canzone di Rocco Hunt, brano apprezzatissimo dai giornalisti, che esplodono con un 'Bravo!' all'unisono al termine dell'esecuzione. Ci sono alcuni pezzi in dialetto, il ritornello che comincia con 'Wake up guagliò' è molto orecchiabile e ritmato. E' una canzone di denuncia sulla realtà sociale e lavorativa soprattutto del Meridione e termina con il cantante che invita le persone ad aprire gli occhi sulla realtà urlando 'Svegliaaaaaa!'. Una frase: 'Lo Stato non ci sente, soprattutto a noi del sud, alzasse la mano che non ha futuro, chi lavora sempre ma non sta sicuro'.

Arisa presenterà 'Guardando il cielo' (autore Giuseppe Anastasi), una ballad delicata esaltata dalla bellissima voce di Arisa, che si pone il problema dell'incertezza della vita e, senza mai citarla, si interroga velatamente su cosa ci sia dopo la morte, elencando una semplice regola per vivere bene: di ogni giorno prendere il buono. Una frase: 'Svegliarsi e dire che oggi non andrà, è troppo presuntuosa la previsione di una verità'.

La conferenza stampa si è chiusa in bellezza e tra le risate grazie a Elio e Le storie tese, che hanno portato il brano 'Vincere l'odio' (autori S.Belisari, S.Conforti, D.Civaschi, N.Fasani). La platea dei giornalisti, autrice compresa, è impazzita sulle note della canzone, che presenta - come ha sottolineato Carlo Conti, che li ha contati - ben sette ritornelli, ognuno eseguito con una musica e un ritmo completamente diverso. Volutamente sgrammaticata in alcune parti, è molto ritmata e divertentissima, completamente 'nonsense'. Elio termina esibendosi come tenore e urlando 'Vincere l'odio' proprio come Massimo Ranieri si esibiva sulle note di 'Perdere l'amore'. Una frase: 'Sarà capitato anche a voi, di avere una canzone in testa, brutta'. La sentenza dei giornalisti: 'Sono dei veri geni', chiudendo con l'applauso più convinto e fragoroso.

Scritto da 
  • Chiara Dalla Tomasina
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Beyoncé e Justin Bieber in testa alle nomination degli Mtv Ema

Beyoncé e Justin Bieber in testa alle nomination degli Mtv Ema

Le votazioni sono aperte da oggi sul sito mtvema.com

Saviano: La forza di Jovanotti? Essere simbolo di leggerezza

Saviano: La forza di Jovanotti? Essere simbolo di leggerezza

Messaggio di auguri con selfie per i 50 anni del cantante

Buon compleanno Jovanotti: il 'ragazzo fortunato' compie 50 anni

Buon compleanno Jovanotti: il 'ragazzo fortunato' compie 50 anni

Da 30 anni Lorenzo è sulle scene con un successo dopo l'altro

Robbie Williams annuncia nuovo album di inediti: esce il 4 novembre

Robbie Williams annuncia nuovo album di inediti: esce il 4 novembre

Si intitola 'Heavy Entertainment Show' ed esce tre anni dopo 'Swings both ways'