Venerdì 12 Febbraio 2016 - 08:45

Sanremo, egiziano cerca di forzare ingresso Ariston: arrestato

L'uomo è stato bloccato dall'arrivo dei carabinieri

Il teatro Ariston

 Ieri sera, all'esterno del Teatro Ariston, durante la terza serata della 66a edizione del Festival della canzone italiana, i carabinieri hanno arrestato un 21enne egiziano per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'arresto è stato effettuato nell'ambito dei servizi di controllo del territorio disposti dal comando compagnia carabinieri di Sanremo. Il tutto è avvenuto poco prima delle 22. All'improvviso un magrebino, di corsa e urlando, si è indirizzato verso uno dei varchi presidiati dai carabinieri per accedere alla zona antistante il teatro Ariston. Il 21enne, tuttavia, è stato prontamente bloccato da una pattuglia dei carabinieri della stazione di Sanremo, impegnata in un servizio finalizzato a garantire la sicurezza dei cittadini in un periodo di grossa affluenza di persone nel territorio di Sanremo e della provincia di Imperia. Sottoposto a perquisizione personale, l'egiziano è stato trovato in possesso di 25 grammi di hashish e, pertanto, dichiarato in stato di arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
 

 La droga trovata nel corso della perquisizione è stata sottoposta a sequestro penale e verrà analizzata nei prossimi giorni per accertarne il grado di purezza.
Il 21enne egiziano, dopo essere stato dichiarato in stato di arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, su disposizione dell'autorità giudiziaria è stato rinchiuso presso le camere di sicurezza della Compagnia dei carabinieri di Sanremo.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Riciclaggio, Fini ed i Tulliani rischiano processo

Riciclaggio, Fini ed i Tulliani rischiano il processo

Chiusa l'inchiesta nata dall'indagine sul 're delle slot' Francesco Corallo

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172