Sabato 11 Febbraio 2017 - 18:00

Sanremo, Alvaro Soler approda all'Ariston: Duetterei con Sylvestre

Oggi atteso ospite alla serata finale del Festival

Sanremo, Alvaro Soler approda all'Ariston: Duetterei con Sylvestre

 Super ospite al Festival di Sanremo questa sera Alvaro Soler, che chiuderà l'edizione della kermesse canora. A soli 26 anni il giudice di 'X Factor' ha già al suo attivo 36 dischi d'oro e di platino in tutto il mondo e 200 milioni di stream, i suoi video su Vevo e YouTube hanno collezionato oltre 450 milioni di visualizzazioni. Il cantautore ora partirà con un tour in tutta Europa che toccherà anche l'Italia prima a febbraio e marzo e poi di nuovo a luglio e agosto. Stasera all'Ariston si esibirà in un medley di tre suoi successi: 'El mismo sol', 'Animal' e 'Sofia'. Lì farà, però, in una versione inedita orchestrale, con un arrangiamento più classico: "E' la prima volta che faccio una cosa del genere. Sono contento - dice incontrando la stampa - di avere l'opportunità di lavorare con un'orchestra così bella. Oggi sarà un giorno pazzesco, energetico, incredibile e musicale".

Per quanto riguarda la gara, Soler tifa per tre artisti in particolare: Lodovica Comello, Michele Bravi e Sergio Sylvestre. E se potesse scegliere sarebbe propio con quest'ultimo che vorrebbe duettare. Nei progetti futuri, a breve termine c'è l'avvio del tour europeo, "poi - racconta - vorrei fermarmi per finire di scrivere il mio secondo album. Sto facendo delle cose più acustiche, perchè fanno parte dell'evoluzione che ho fatto in questi anni. La musica è anche sorprendere e sono curioso di vedere come sarà il secondo album". Nessun progetto nell'immediato, invece, per quel che riguarda la televisione.

A chi gli chiede quale sia il 'trucco' per riuscire a vendere dischi al di fuori del proprio Paese in Europa, come sta riuscendo a fare lui, risponde: "A me sta aiutando essere me stesso e andare nei Paesi con questa attitudine, a trasmettere la mia originalità. Non so cosa si debba fare per andare all'estero. Credo che si debba fare musica vera e che trasmette emozioni, se la gente lo capisce vuol dire che hai fatto bene". "Se hai l'opportunità di andare all'estero - aggiunge - è perfetto. Ma non è sempre facile. Ci sono tanti bravi artisti spagnoli che non riescono ad avere successo in Europa. Io sono spagnolo, ho fatto musica a Berlino e poi sono venuto in Italia. E' stato tutto molto naturale".

 

Scritto da 
  • dalla nostra inviata Chiara Troiano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ensi torna in scena con 'V': il suo primo album da papà

Tre anni dopo il suo ultimo disco, Rock Steady, il freestyler è pronto per tornare con un lavoro completamente nuovo

Usa, 40° anniversario dalla morte di Elvis Presley a Memphis

Quarant'anni senza Elvis, omaggio dei fan davanti alla casa di Memphis

Una veglia in Tennessee in memoria del cantante che ha cambiato la storia della musica

Taylor Swift, her mother Andrea and attorney Jesse Schaudies react to the verdict being read in Denver Federal Court where the Taylor Swift groping trial goes on in Denver

Taylor Swift vince in tribunale contro dj che le palpò fondoschiena

Risarcimento simbolico di un dollaro per la cantante statunitense: "Deve servire da esempio per le altre donne che potrebbero essere riluttanti a denunciare"

Festival Federico Cesi, il suono dei borghi umbri diventa un concerto

L'Umbria raccontata dalla musica classica per un mese intero