Lunedì 20 Novembre 2017 - 17:00

Sanità, truffa rimborsi: sequestrati 7,3 milioni a 3 cliniche romane

Sotto sequestro un centinaio di conti bancari, in tutta Italia, intestati agli istituti e alle quattro persone finite sotto indagine

Chiedevano e ottenevano dalla Regione Lazio rimborsi sanitari legati all'assistenza medica domiciliare: ma le richieste erano doppie, a volte anche maggiori, rispetto al denaro cui avevano diritto le cliniche.

Un fiume di denaro non dovuto, per il quale le tre strutture 'hospice' romane, e i rispettivi responsabili, sono accusati di truffa ai danni dello Stato nell'ambito di un'indagine che ha portato a sequestri per sette milioni e trecentomila euro.

Nel corso dell'operazione, condotta dai carabinieri del Nas e coordinata dal sostituto procuratore Alberto Pioletti, sono stati posti sotto sequestro un centinaio di conti bancari, in tutta Italia, intestati agli istituti e alle quattro persone finite sotto indagine (due di loro si erano avvicendate a capo di una clinica).

Villa Speranza, Fondazione Roma, e Casa di cura Sant'Antonio da Padova, sono le tre cliniche, destinate a malati terminali, perlopiù oncologici, finite sotto inchiesta.

I fatti fanno riferimento al periodo 2011/2015: secondo chi indaga la truffa ruotava attorno all'assistenza domiciliare, per la quale venivano chiesti rimborsi alla Regione basandosi sui massimali previsti dalla normativa anche quando le visite sostenute da medici e infermieri in casa dei degenti erano meno della metà di quelle dichiarate.

Le verifiche sono partite da un esposto di alcuni medici che evidenziava anomalie nelle richieste di rimborso: i carabinieri hanno approfondito passando al setaccio, cartella dopo cartella, tutte le fatture e le corrispettive richieste di rimborso effettuate negli anni al centro dell'indagine. Ne è venuto fuori un quadro allarmante dal quale è emersa la diffusa abitudine a chiedere rimborsi gonfiati, da parte delle tre strutture convenzionate, che sono tra le più importanti nel settore dell'assistenza ai malati terminali.

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, coppia gay denuncia: "Scontrino omofobo al ristorante". Licenziato il cameriere

A fine cena, il conto riportava la scritta 'No Pecorino, Si Frocio'. La giustificazione del locale: "È un errore del pc". Marrazzo (Gay Center): "Revocare la licenza". Il Campidoglio condanna il "gravissimo episodio"

Milano, aggressione fra condomini del palazzo di Piazza Insubria 3

Roma, trovato corpo su via Braccianense: è giovane scomparso

Il corpo è stato trovato in un dirupo poco distante da una motocicletta in tutto simile a quella usata dal giovane

Roma, Metro C: rischio processo per 25 persone, c'è anche Alemanno

Chiusa l'inchiesta. Tra gli indagati, anche l'ex sindaco della capitale. I pm contestano episodi di corruzione nel periodo tra 2010 e 2015

Roma, Papa Francesco in visita all'ospedale Bambino Gesù

Giallo a Roma, bimba nomade ferita alla schiena: si indaga

Era in braccio a sua madre, in via Palmiro Togliatti, quando ha iniziato a piangere. La donna si è accorta del sangue e l'ha portata in ospedale