Lunedì 22 Febbraio 2016 - 18:00

Sanità, esperto: Farmaci low cost sicuri come quelli di marca

Intervista a Patrizia Popoli, dirigente di ricerca del dipartimento del farmaco dell'Istituto superiore di sanità

Sanità, esperto: Farmaci low cost sicuri come quelli di marca

I farmaci low cost non convincono gli italiani, benché il costo sia sicuramente più basso di quelli di marca. Si tratta dei farmaci generici o anche biosimilari, quelli che possono essere acquistati sempre sotto prescrizione medica o erogati in ambiente ospedaliero, ma a un prezzo sicuramente più abbordabile. Si parla di medicinali comuni di uso quotidiano come di medicinali per malattie particolarmente gravi come il cancro. Ma i farmaci low cost hanno lo stesso risultato di quelli di marca? Secondo la Patrizia Popoli, dirigente di ricerca del dipartimento del farmaco dell'Istituto superiore di sanità, "sicuramente sì".

Cosa sono i farmaci generici o oggi conosciuti come low cost?

I farmaci generici sono degli equivalenti che vengono prodotti dai genericisti quando la molecola originale ("di marca")  perde il brevetto. Una volta che il generico viene messo in commercio significa che si può considerare equivalente rispetto al farmaco,  di marca. Quindi non ci sono differenze tra l'uno e l'altro in termini di sicurezza ed efficacia. Mentre per quanto riguarda il prezzo la differenza c'è, perché lo sviluppo del farmaco generico ha costi molto inferiori rispetto al farmaco di marca.

Quindi questi farmaci, proprio perché a basso prezzo, potrebbero andare a colmare la mancanza di medicinali nei Paesi in via di sviluppo?  

Non solo, ma anche nel nostro Paese,  perché il risparmio è comunque utile. Anche noi stiamo vivendo una particolare crisi che ci dovrebbe indurre   all'acquisto dei generici, ma purtroppo quello che viene percepito è che il medicinale generico ha un valore inferiore a quello di marca, mentre in realtà non è così.

Per quanto riguarda il biologico invece si può parlare di vera svolta?

Ci sono diversi farmaci biologici in commercio. Quando un farmaco biologico perde il brevetto, può essere messo in commercio il corrispondente biosimilare. A differenza dei generici, per i quali si richiedono in genere solo studi di bioequivalenza, per i biosimilari può essere richiesto  di ripetere anche gli studi fatti sull'animale e quelli clinici, secondo la necessità. Per questi farmaci si chiedono quindi  più prove per confermare che il farmaco sia efficace e sicuro quanto quello di marca.

Ci sono dei rischi?
I farmaci biologici non sono solo di origine estrattiva (cioè estratti da tessuti umani),  e comunque in questi casi vengono fatte delle valutazioni ulteriori per evitare proprio i rischi. Questo tipo di medicinali è messo in commercio a livello europeo e viene spesso utilizzato per la cura dei tumori e altre patologie gravi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Solo 10% mamme allatta al seno a sei mesi dal parto

Solo il 10% delle mamme allatta al seno a sei mesi dal parto

Dati preoccupanti per i neonatologi italiani, ma in netto miglioramento rispetto al passato

In Italia farmaco per epatite C 5mila volte più costoso che in Egitto

In Italia farmaco per epatite C 5mila volte più costoso che in Egitto

Il Codacons presenta un esposto alla Corte dei Conti sul 'Sofosbuvir'

Tumori, al nord ci si ammala di più rispetto al sud

Tumori, al nord ci si ammala di più rispetto al sud

Per alcune tipologie al nord i tassi di incidenza sono addirittura doppi

Il carcinoma del colon-retto è il tumore più frequente in Italia

Il carcinoma del colon-retto è il tumore più frequente in Italia

Tra le donne il cancro della mammella rappresenta il 30% delle neoplasie