Mercoledì 27 Dicembre 2017 - 09:30

Samsung, chiesti 12 anni di carcere in appello per il vicepresidente

Lee Jae-yong era stato arrestato a febbraio per corruzione

The logo of Samsung Electronics is seen at its office building in Seoul

I procuratori della Corea del Sud hanno chiesto 12 anni di carcere per il vicepresidente della Samsung Electronics, Lee Jae-yong, alla Corte di appello dopo che era stato condannato a cinque anni in primo grado ad agosto che nel caso di corruzione che ha travolto il Paese.

L'Alta corte di Seul dovrebbe pronunciarsi a fine gennaio. Lee, 49 anni, erede di uno dei maggiori imperi aziendali del mondo, era stato arrestato a febbraio scorso per corruzione. Insieme a Lee, accusato di aver corrotto l'ex presidente Park Geun-hye, sono indagati altri quattro ex dirigenti di Samsung.

Il tribunale di primo grado aveva stabilito che la tangente avrebbe aiutato Lee a rafforzare il suo controllo sulla Samsung Electronics, fiore all'occhiello di una delle maggiori società di tecnologia del mondo.

Ad agosto, la Corte aveva stabilito che mentre Lee non aveva chiesto direttamente aiuto a Park, il fatto che la fusione del 2015 fra due affiliate di Samsung servisse a rafforzare il controllo di Lee sulla Samsung Electronics, implica che il vicepresidente avesse chiesto aiuto alla presidente per rafforzare il suo controllo sulla società.

Lee, in abito scuro e camicia bianca senza cravatta, all'udienza di appello di oggi ha negato l'accusa di corruzione e ha anche smentito le recenti accuse dei pubblici ministeri di aver incontrato Park faccia a faccia per quattro volte, invece delle tre precedentemente ammesse.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo