Martedì 06 Giugno 2017 - 18:30

Salvini: Riina? Non ho pietà, marcisca in prigione, senza luce e tv

"Io sono contro la pena di morte per cultura, ma l'ergastolo è l'ergastolo"

Salvini: Riina? Non ho pietà, marcisca in prigione, senza luce e tv

"Totò Riina, poverino, è malato e deve uscire di galera per farsi curare? Ma vaffa... Per rispetto nei confronti dei parenti delle centinaia di vittime ammazzate, trucidate, sciolte nell'acido, fatte sparire nei blocchi di cemento". Lo ha detto il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, in un video su Facebook. "Un mafioso - ha aggiunto - condannato a venti ergastoli, con centinaia di morti sulla coscienza. Poverino, sta male, ha 86 anni, che esca di galera? Può marcire in prigione. Io sono contro la pena di morte per cultura, ma l'ergastolo è l'ergastolo e, se ti chiami Totò Riina, resti in galera fino in fondo. Non esiste, io pietà umana non ce l'ho. Curatelo, se lo dovete curare, ma in galera. In una cella di due metri per due, senza luce e tv. Quanta sofferenza, quanta morte, quanta disperazione, quanti orfani ha creato un personaggio del genere e ci sono i giudici della Corte di Cassazione che dicono che ha il diritto a una morte dignitosa? La morte e la vita dignitosa le migliaia di vittime di questi disgraziati dove l'hanno vista?", si è chiesto Salvini.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer