Venerdì 07 Ottobre 2016 - 20:45

Referendum, scintille Boschi-Salvini ma è pace fatta su Milan

La ministra replica al leader della Lega: "Non si vota su mio padre"

Maria Elena Boschi a Otto e Mezzo

Le scintille che hanno preceduto il faccia a faccia tra Maria Elena Boschi e Matteo Salvini alla fine ci sono state, ma non sulle ragioni del Si dell'una e su quelle del No dell'altro in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre. Dopo uno scambio di tweet in mattinata al vetriolo e un giallo ancora tutto da chiarire sul fatto se la ministra abbia annullato o no l'incontro, in realtà, mai fissato, nello spazio di Lilly Gruber, su La7, va di scena lo scontro Lega Nord -Pd, Salvini-Boschi. In mattinata Salvini annuncia su Twitter "CHE PAURA! A poche ore dal confronto... #boschiscappa #ottoemezzo. Ora aspetto @matteorenzi!". Silenzio da largo Chigi, poi Boschi 'cinguetta' "@matteosalvinimi dice che scappo dal confronto sulle riforme? Ok, cambio agenda e ci vediamo a 'Otto e mezzo'".

La ministra gioca la carta dei tecnicismi legati alla Riforma costituzionale per cogliere in castagna l'avversario, "basta leggere la Costituzione", dice spesso la titolare del ddl, e Salvini attacca con i temi a lui cari come gli immigrati e soprattutto i migliaia di risparmiatori "truffati e rovinati da banca Etruria di cui il papà del ministro è stato vicepresidente". La replica arriva piccata: "Al referendum non si vota su mio padre o sulle sanzioni che lui ha pagato regolarmente". Salvini attacca e chiama "signorina Boschi", lei lo etichetta come "quel giovanotto che è in Parlamento da quando andavo alle medie". Un botta e risposta che costringe la Gruber a chiamare la pubblicità.

La conduttrice di 'Otto e mezzo' riporta la discussione sulle motivazioni del confronto e alla fine Salvini spiega: "Voto 'no' perché la riforma è pasticciata. Sicuramente è un appuntamento imperdibile per gli italiani che vogliono mandare a casa Renzi e tornare ad un governo legittimo" e sul premier aggiunge: "Non penso che sia un dittatore. Non è all'altezza anche se lo volesse". La deputata dem difende la Riforma dicendo che con il voto del 4 dicembre "si tratta di scegliere se voler portare l'Italia nel futuro o lasciarla nel passato". Quando invece Salvini parla di "riforma pasticciata", richiamandosi al 'No', il ministro non ha dubbi: "Dire ai cittadini di dire 'no' con l'idea di fare un'altra riforma fra sei mesi è una bugia. Vorrei sapere con quale maggioranza la farete visto che M5s e Sinistra italiana hanno già detto di non essere d'accordo".

Alla fine la pace è fatta non sul Referendum ma sul Milan, squadra di calcio che accomuna i due avversari politici.  "Andiamo a vedere Fiorentina-Milan così vediamo il conflitto di interessi?". Chiede Salvini alla Boschi. "Questo volentieri - risponde la ministra - anche se ci sono già andata. Ero vestita di rosso e nero ed i fiorentini si sono arrabbiati". "Allora la porto a San Siro", la replica di Salvini. Tornando poi sull'argomento referendario Boschi in precedenza aveva spiegato che con Salvini la legano tre cose: "il Milan, il liceo classico ed il fatto che entrambi pensiamo che il quesito referendario vada bene così come è scritto".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Referendum

Referendum, le curiosità statistiche sul voto

Al referendum costituzionale di oggi sono chiamati ad esprimere il proprio voto 46.714.950 elettori

Urne

Referendum, urne aperte dalle 7 alle 23 per 46 milioni di italiani

Quasi 4 milioni gli aventi diritto per corrispondenza all'estero

Berlusconi: Se Renzi perde lascia la politica? Meno male

Berlusconi: Se Renzi perde lascia la politica? Meno male

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, lo ha detto parlando con i ragazzi di Missione Italia

ITALY-ROME-CONSTITUTIONAL REFERENDUM

Referendum, ecco la riforma della Costituzione in pillole

Ecco il testo su cui si dovranno esprimere gli italiani