Sabato 14 Maggio 2016 - 19:30

Matteo Salvini al Salone del Libro, tra fan e contestatori

Il leader leghista in visita a Torino

Matteo Salvini al salone Internazionale del Libro di Torino

Pomeriggio bollente quello che si è appena vissuto al Salone del Libro di Torino. Non solo per il ricchissimo programma - che prevedeva fra le altre conferenze, quella del premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi, quella dell'autore di 'Gomorra' Roberto Saviano, andata sold out, e l'appuntamento con Walter Veltroni e Pippo Baudo per la presentazione di 'Ciao'. Il clou è stato raggiunto con la visita allo stand Rizzoli del leader della Lega Nord Matteo Salvini, che si è concesso un vero e proprio bagno di folla firmando le copie del suo libro 'Secondo Matteo'. Come annunciato, non sono mancati i momenti di tensione: alcuni ragazzi lo hanno contestato, al grido di 'vergogna' ma sono stati subito allontanati dalle forze di sicurezza. I sostenitori di Salvini hanno urlato ai contestatori 'Andate via'. Salvini è apparso tranquillo e per nulla scosso dall'accaduto:  "Se si considera contestazione due persone che urlano 'vergogna', allora anche io dico a te 'vergogna' e sei contestato anche tu", risponde parlando con i giornalisti. "Io razzista? Ci sono abituato. Se non mi dessero del razzista ogni giorno mi preoccuperei".

LA QUESTIONE MIGRANTI - Profughi sì, clandestini no. O saranno guai per tutti. E' questa l'opinione netta del leader del Carroccio circa l'emergenza migranti, che Salvini spiega più estesamente in mezzo ai visitatori del Salone e ai suoi sostenitori: "I numeri dicono che stanno arrivando più immigrati in Italia che in Grecia. Non voglio fare il gufo - direbbe l'altro Matteo, quello più importante - ma temo che queste saranno una primavera e una estate caldissime. O si blocca questo flusso o saranno più problemi per tutti, per gli italiani sicuramente ma in primis per i veri rifugiati, che dovrrebbero essere accolti con tutti i crismi".

L'ONESTA' DEVE ANDARE DI MODA - Gli altri temi affrontati da Salvini, incalzato dai giornalisti, sono tutti politici, prima fra tutti la nota polemica nei confronti del Movimento 5 Stelle: "I 5 Stelle a Quarto, a Livorno come a Parma mi sembrano veramente una bufala. Al M5S chiedo di essere coerente. L'onestà - ha sottolineato - andrà di moda dicevano e io come Lega porto avanti questo impegno, l'onesta deve andare di moda".

Loading the player...
Scritto da 
  • Elena Andreasi
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Conte arriva al Quirinale da Mattarella. Di Battista attacca il Colle

Di Maio esulta: "Inizia la terza Repubblica". Lega: "Pronti a partire"

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Di Maio: "Resta il nostro candidato". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il prof indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, chi è Paolo Savona: l'economista anti euro

È stato direttore della Banca d'Italia e di Confindustria. È lui il nome indicato da Salvini e Di Maio per il Mef

COMBO-FILES-ITALY-POLITICS-GOVERNMENT-PARTIES

Governo, Conte e Savona su graticola: ipotesi Di Maio premier, no di Salvini

Si indebolisce la candidatura del professore indicato come premier da M5S e Lega e riprende quota. Anche Paolo Savona in bilico al Mef