Venerdì 22 Aprile 2016 - 14:45

Salute, tumori: in 20 anni +10% sopravvivenza per donne italiane

Oggi in Italia vivono più di un milione e 650mila donne dopo una diagnosi di tumore (nel 2010 erano circa un milione e 430mila)

Salute, tumori: in 20 anni +10% sopravvivenza per donne italiane

 Oggi in Italia vivono più di un milione e 650mila donne dopo una diagnosi di tumore (nel 2010 erano circa un milione e 430mila). Le percentuali di sopravvivenza a 5 anni globalmente migliorano in maniera significativa, infatti dal 1990 al 2007 sono aumentate del 10%, passando dal 53% al 63%. E in una delle neoplasie femminili più frequenti, quella del seno, raggiungono l'87%. "I progressi nella lotta contro queste malattie sono stati straordinari - afferma il professor Carmine Pinto, presidente nazionale Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica), nel corso della Prima Giornata Nazionale della Salute della Donna oggi a Roma -. Nel 2015 i tumori hanno colpito 169mila italiane. Grazie alla diagnosi precoce salviamo molte vite e una donna su due guarisce se la malattia è individuata in fase iniziale. Inoltre riusciamo a far sopravvivere le pazienti più a lungo e con una migliore qualità di vita. Resta però l'ombra preoccupante rappresentata dal vizio del fumo. Il 23% delle italiane è tabagista, con ricadute evidenti: tra il 1999 e il 2010 l'incidenza del tumore del polmone è diminuita del 20% tra gli uomini, mentre si registra un +36% fra le donne".

 

 Prevenzione primaria seguendo uno stile di vita sano (no al fumo, dieta corretta e attività fisica costante) e screening restano le armi principali, in particolare la mammografia con cadenza biennale (fra i 50 e i 69 anni) per la diagnosi precoce del tumore del seno, il Pap test (fra i 25 e i 64 anni) ogni 36 mesi per il cancro del collo dell'utero, e il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci ogni 24 mesi per individuare la neoplasia del colon retto (nelle persone tra i 50 e i 69 anni). L'adesione agli screening va fortemente implementata e sostenuta, in particolare nel biennio 2011-2012 solo il 60% delle italiane ha eseguito la mammografia e il 41% il Pap test. "Anche la vaccinazione contro il Papilloma Virus Umano (HPV) è uno strumento importante di prevenzione contro una delle neoplasie più frequenti nelle under 50, il tumore del collo dell'utero, che nel 2015 in Italia ha fatto registrare circa 2.100 nuovi casi - sottolinea la dottoressa Stefania Gori, presidente eletto Aiom -. Ma nel nostro Paese solo il 70% delle dodicenni aderisce ai programmi di profilassi, quindi tre ragazze su dieci non sono coperte. Per sensibilizzare i cittadini, l'AIOM ha realizzato la prima guida al vaccino anti-HPV distribuita in tutte le Oncologie del nostro Paese e nelle farmacie".

 

Non sempre è possibile individuare in fase iniziale il tumore. "Nel caso particolare del cancro dell'ovaio, che ogni anno colpisce circa 4.800 italiane - continua la dottoressa Gori -, la diagnosi precoce è particolarmente difficile a differenza di quanto avviene in quello del seno, perché non vi sono sintomi che la permettano. Con la conseguenza che l'80% delle diagnosi avviene in stadio avanzato e, in questi casi, la sopravvivenza a 5 anni delle pazienti è solo del 35%. I test genetici rappresentano un'arma in più a nostra disposizione per sconfiggere questa neoplasia. Attraverso un semplice prelievo di sangue è possibile sapere se una paziente con carcinoma ovarico risponderà positivamente o meno ad alcuni farmaci. L'esame influisce sulla decisione del tipo di terapia e quindi deve essere facilmente accessibile per tutte le donne e i risultati disponibili in tempi compatibili con le necessità cliniche. Deve però essere svolto seguendo i criteri stabiliti dagli specialisti".

Per questo l'AIOM ha stilato specifiche raccomandazioni contenute in un documento sull'uso del test genetico BRCA nella cura del carcinoma ovarico, firmato insieme alla Società Italiana di Genetica Umana (SIGU), alla Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica (SIBioC) e alla Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia diagnostica (SIAPEC-IAP). Se una paziente affetta da carcinoma ovarico risulterà avere la mutazione di BRCA, si aprirà inoltre la possibilità di valutare le donne sane della sua famiglia e permettere quindi di identificare donne sane predisposte ad ammalarsi: in tal caso possiamo iniziare percorsi di sorveglianza attiva per arrivare ad una diagnosi precoce di carcinoma ovarico/mammario oppure avviare la donna a chirurgia profilattica per ridurre il rischio (mai azzerato) di ammalarsi di carcinoma ovarico/mammario". I cinque tumori più frequenti nelle donne sono quelli del seno (29%), seguito da colon-retto (13%), polmone (6%), tiroide (5%) e corpo dell'utero (5%). Ogni anno 5.000 donne nel nostro Paese devono confrontarsi con il cancro quando ancora potrebbero diventare madri.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Senato - ddl su biotestamento

Legge sul Biotestamento, il Senato approva i primi articoli

Superati senza ostacoli anche i voti segreti. Il testo completo dei primi due articoli

Online doctor services

Mal di testa&co, gli italiani si curano sul web: ma occhio alle fake news

Sono diventati 15 milioni quelli che cercano aiuto online, ma oltre la metà è incappato in una bufala

Participants take part in a commemoration ceremony near a monument in memory of AIDS victims in Kiev

Aids, 3.451 nuovi casi nel 2016. Allarme su diagnosi tardive

A preoccupare maggiormente anche la scarsa informazione da parte dei giovani

Manifestazione contro la violenza sulle donne

La violenza spezza le donne: boom 'sindrome del cuore infranto'

L'allarme dei cardiologi: la violenza, anche psicologica, può far ammalare