Mercoledì 20 Gennaio 2016 - 15:30

Salute, Piemonte ufficialmente indenne da tubercolosi bovina

E' stato dimostrato che la percentuale degli allevamenti infetti da tubercolosi bovina non supera lo 0,1%

Stop tubercolosi bovina in Piemonte

Il Piemonte ha conseguito la qualifica di territorio ufficialmente indenne da tubercolosi bovina. La Commissione Europea, nella sessione del 12 gennaio, ha accolto favorevolmente la richiesta di attribuzione della qualifica presentata dal Piemonte, che ha dimostrato di aver terminato il percorso di accreditamento. Per ottenere la qualifica territoriale è infatti necessario che per sei anni consecutivi la percentuale degli allevamenti infetti da tubercolosi bovina non superi lo 0,1%  e la percentuale degli allevamenti ufficialmente indenni a fine anno rappresenti almeno il 99,9% dei presenti. La formalizzazione dello status di indennità è attesa per metà marzo prossimo, con l'emanazione di un'apposita decisione comunitaria.

"E' il coronamento di trent'anni di attività di eradicazione - spiega la Regione in una nota - che ha patito un avvio difficile per la presenza storica e diffusa della malattia in molti allevamenti piemontesi. Un lavoro iniziato a suo tempo da Mario Valpreda, a lungo direttore regionale della sanità pubblica e poi assessore alla Sanità dal 2005 al 2007".

La tubercolosi bovina è infatti una zoonosi le cui caratteristiche di persistenza e cronicità rendono il processo di eradicazione lungo e insidioso e richiedono la costante rivalutazione dei risultati ed il continuo aggiornamento degli strumenti adottati. Erano già state dichiarate indenni le Province di Novara, Verbania, Vercelli, Biella e Asti: con l'accreditamento della restante parte del territorio piemontese si è così completato il processo.

"Si tratta di un importante risultato della Veterinaria pubblica piemontese - dice l'assessore alla Sanità, Antonio Saitta - che, oltre ad assicurare le necessarie garanzie di sicurezza alimentare, può ora dedicare le risorse disponibili ad altri traguardi per elevare ulteriormente lo status sanitario del patrimonio bovino regionale". L'acquisizione della qualifica, infatti, permette un progressivo diradamento dei controlli diagnostici negli allevamenti, che i servizi veterinari attueranno con la necessaria cautela e con i criteri dell'analisi del rischio.

"Sarà certamente necessario mantenere un'attenzione elevata sui possibili casi di risorgenza della malattia, che saranno gestiti come di consueto con il supporto tecnico dell'Istituto Zooprofilattico del Piemonte, secondo i protocolli regionali consolidati che assicurano efficacia e rapidità di intervento", conclude Saitta.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sede Ema, oggi il verdetto

Ema, sorteggio scatena rabbia anti Ue: all'attaco Salvini e Calderoli

L'estrazione ha premiato Amsterdam e ha scatenato le polemiche

Senza futuro, gioco, istruzione: 180 milioni di bambini a rischio

Oggi in tutto il mondo si celebra la giornata dei bambini ma per troppi di loro le prospettive di vita sono peggiori di quelle dei genitori

Cyberbullismo, vittima un adolescente ogni 10: i consigli degli esperti

I ragazzi non devono essere allarmati ma consapevoli che le loro azioni possono cambiare la vita di un loro coetaneo

Ostia, incendio circolo Pd: ripreso da telecamere chi ha appiccato fiamme

Una persona è stata ripresa dal sistema di sorveglianza mentre appiccava le fiamme