Giovedì 21 Luglio 2016 - 19:30

Salute, allarme tubercolosi: un'emergenza trascurata

Incidenza crescente nelle classi più povere e tra i migranti

Salute, allarme tubercolosi: un'emergenza trascurata da arginare

In Italia la tubercolosi è una patologia a bassa incidenza nella popolazione generale, 7,7 per 100mila abitanti nel 2010, ma molto più diffusa in gruppi a rischio quali persone senza fissa dimora, soggetti che appartengono alle classi più povere, tossicodipendenti, immigrati, e in alcune aree metropolitane dove l'incidenza può addirittura quadruplicare. Inoltre, si osserva un trend in aumento nella classe di età 15-24 anni. "Il ritorno della TBC - spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE - rappresenta un'emergenza sanitaria sottovalutata perché esistono numerosi ostacoli per un'efficace prevenzione e trattamento: standard assistenziali spesso obsoleti a dispetto di una notevole evoluzione delle conoscenze scientifiche, frammentazione e scarso coordinamento dei percorsi assistenziali tra i servizi di sanità pubblica, cure primarie e assistenza specialistica, barriere culturali e linguistiche, carenze nella rete di diagnosi e cura".

Il Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 identifica tra gli obiettivi prioritari 'l'implementazione di linee guida aggiornate', ma di fatto l'ultimo aggiornamento delle linee guida nazionali risale al 2010. "La mancanza di linee guida aggiornate - prosegue nella nota Cartabellotta - in grado di sintetizzare le migliori evidenze scientifiche rappresenta un ulteriore ostacolo alla gestione ottimale della TBC: infatti l'uso appropriato dei nuovi test diagnostici (IGRA test, NAAT), le strategie per migliorare l'aderenza terapeutica (DOTS, case management) e i protocolli terapeutici per la TBC multi-farmaco resistente oggi sono ben lontani da un'implementazione uniforme sul territorio nazionale".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Un test per fotografare il cancro: la nuova frontiera della lotta alla malattia

L'esame sfrutta il 'Tumor Mutational Burden', un biomarcatore che misura le alterazioni molecolari

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti

Lancio di palloncini e Duomo illuminato di rosa per la ricerca contro il cancro

Un figlio dopo il cancro. Sette donne su dieci ci riescono

Uno studio di Institute Marques (Barcellona). Le tecniche lo permettono e la recidiva è molto bassa