Venerdì 22 Gennaio 2016 - 14:15

Salute, al Bambino Gesù nuova tecnica laser trapianto cornea

Il metodo consentirà ai bambini di recuperare la vista rapidamente, riducendo il rischio di rigetto

La nuova tecnica si basa sull'utilizzo evoluto del laser a femtosecondi, una tecnologia ad altissima precisione

Una nuova tecnica laser per il trapianto parziale di cornea consente ai bambini di recuperare la vista rapidamente, riducendo il rischio di rigetto. E' stata messa a punto e sperimentata con successo all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma dall'équipe di Luca Buzzonetti, responsabile dell'Unità Operativa Complessa di Oculistica. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Refractive Surgery. La nuova tecnica si basa sull'utilizzo evoluto del laser a femtosecondi, una tecnologia ad altissima precisione. La nuova tecnica si utilizza in caso di patologie e lesioni che interessano gli strati anteriori della cornea (in particolare lo stroma) senza il coinvolgimento della parte più profonda, l'endotelio, la cui conservazione abbatte il rischio di rigetto.

E' necessaria, ad esempio, quando l'occhio perde la sua capacità di vedere perché la cornea è danneggiata gravemente a causa di patologie come il cheratocono (malattia rara e degenerativa) o di infezioni che hanno prodotto cicatrici (leucoma corneale). In questi casi si restituisce trasparenza alla superficie oculare mediante la sostituzione parziale di tessuto, che si preleva da un donatore cadavere. Quando anche l'endotelio è compromesso si ricorre invece al trapianto a tutto spessore, ovvero alla cheratoplastica perforante che prevede la sostituzione di tutta la cornea.

Il metodo ideato al Bambino Gesù, denominato Big-Bubble Full Femto, spiega Buzzonetti, "più sicuro e più facile da eseguire, può consentire a più specialisti di cimentarsi con questo tipo di chirurgia dell'occhio, diventando uno standard internazionale per il trattamento di alcune patologie della cornea". Ed i vantaggi per i piccoli pazienti sono notevoli perché questa tecnica garantisce una ridotta percentuale di rigetto e un ottimo recupero della vista ottenibili con maggior sicurezza e ripetibilità.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il ministro Grillo in visita all\'ospedale del Mare a Napoli

Vaccini, i chirurghi alla ministra: "Non ascolti apprendisti stregoni"

Una nota delle associazioni di categoria. "La ministra ha tutti gli strumenti per decidere in maniera corretta"

campagna di vaccinazione contro influenza suina

Morbillo, in 6 mesi 2029 casi: 4 decessi, il 91.3% non era vaccinato

Il quadro che emerge dall'ultimo bollettino dell'Istituto superiore di sanità

Inaugurazione nuova area hospice oncologico ospedale sacco

A Milano è allarme legionella: terza vittima in tre giorni

Sono 17 gli infettati dal batterio killer tra Bresso, Cormano e Cusano Milanino

vaccini antinfluenzali

Record vaccini nel 2017: 123 milioni di bambini nel mondo

Nove su dieci sono protetti da difterite-tetano-pertosse