Giovedì 28 Aprile 2016 - 16:45

Salute, Acerbi testimonial prevenzione cancro al testicolo

Si tratta del tumore più comune tra i giovani maschi e ha colpito anche il giocatore della nazionale, che ne è guarito

Francesco Acerbi

"Il cancro al testicolo, il tumore più comune tra i giovani maschi, anche in chi pratica sport, se diagnosticato e curato in tempo,  può essere vinto. Tornando a una vita normale. Io, che di avversari me ne intendo, ce l'ho fatta. Ho vinto la partita più importante e sono tornato al gol. Questo male oggi fa meno paura ma la prevenzione  è  tutto. Ragazzi,  seguite il mio consiglio, fate attenzione fin dai 18 anni". A raccontarlo è Francesco Acerbi, giovane difensore del Sassuolo e della Nazionale in un videomessaggio che sarà trasmesso il 5 maggio alle 11, in via Ripetta a Roma, in occasione della conferenza stampa di presentazione del congresso nazionale 'Qualità della vita in urologia e andrologia - dalla terapia della malattia alla terapia del paziente' in programma sempre a Roma il giorno successivo, promosso e organizzato dal Francesco Sasso, specialista in Urologia e Andrologia presso l'Università Cattolica Sacro Cuore di Roma - Fondazione Gemelli, con il patrocinio della Società Italiana di Urologia (Siu).

Il tema della prevenzione è fondamentale anche per il cancro al testicolo, il tumore più comune tra i giovani maschi dai 25 ai 49 anni, che ha colpito anche Acerbi e dal quale il calciatore è guarito. Per questo motivo il difensore ha scelto di essere teestimonial di questa campagna. "E' evidente - afferma il prof Sasso - come le patologie urologica e andrologica abbiano un impatto sul benessere reale percepito dal paziente, il quale grazie alle nuove tecniche ha buone possibilità di sopravvivenza. La sua qualità di vita non è più 'un' ma 'l'obiettivo' che dobbiamo perseguire".

Durante il congresso ampio spazio sarà dato, con due tavole rotonde, alla sessualità della coppia dopo un intervento alla prostata per un cancro e successivamente alla chirurgia ricostruttiva dopo un tumore genitale nell'uomo. Temi del dibattito anche le problematiche sessuologiche secondarie ad una chirurgia ricostruttiva oncologica nella donna. E ancora: come conservare la fertilità in seguito al trattamento di un tumore al testicolo; cosa fare per prevenire la disfunzione erettile (DE), evitando ad esempio di praticare alcuni sport a livello agonistico ma anche amatoriale, condizione quest'ultima che spesso comporta l'assunzione di anabolizzanti e sostanze dopanti senza alcun controllo medico. Infine, si parlerà  di quali precauzioni adottare (consigli pratici, il tipo di dieta da seguire) per scongiurare l'insorgere di infezioni urinarie o l'aggravarsi di disturbi della minzione nei soggetti che passano tante ore del giorno alla guida.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tumori al polmone, nuova macchina per la ricerca

Un test per fotografare il cancro: la nuova frontiera della lotta alla malattia

L'esame sfrutta il 'Tumor Mutational Burden', un biomarcatore che misura le alterazioni molecolari

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti

Sassuolo vs Roma - Serie A 2017-2018

Sciagurato Pegolo regala 3° posto alla Roma: Sassuolo ko 1-0

Prova di solidità dei capitolini, che controllano per tutto il match