Sabato 16 Maggio 2015 - 23:45

Salone libro, Arabia Saudita sarà Paese ospite del 2016

Gli aspetti tecnici devono essere ancora definiti nel dettaglio, ma si parla già di uno stand di oltre 300 metri quadri

28° Salone Internazionale del Libro - Torino

Dopo due anni di presenza al Salone Internazionale del Libro di Torino, l'Arabia Saudita sarà il Paese ospite del 2016. L'accordo è stato messo a punto nel corso di un incontro tra il presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura Rolando Picchioni e l'addetto culturale saudita in Italia, Fahad Hamad Almaghlooth, come informa il Salone in una nota. "Sarà l'Ambasciata saudita in Italia a fare da capofila, coinvolgendo ufficialmente alcuni ministeri e le istituzioni culturali del Paese", ha affermato Almaghlooth. "Da tempo prendiamo parte ai più importanti saloni del libro nel mondo per proporre la nostra cultura. La partecipazione sarà all'altezza del prestigio del Salone di Torino".

 

"Con l'Arabia Saudita, uno dei Paesi più ricchi di proposte e di fermenti culturali del Medioriente - ha commentato Picchioni - vogliamo iniziare un percorso ambizioso che vorrei definire 'la nuova Via della Seta', sulle tracce di Marco Polo. Gli anni successivi infatti ospiteremo altri Paesi dell'area centro-asiatica come l'Azerbaijan e il Kazakhstan". Gli aspetti tecnici della presenza saudita devono essere ancora definiti nel dettaglio, ma si parla già di uno stand di oltre 300 metri quadri. Ancora da definire l'aspetto letterario, ma l'addetto culturale ha anticipato che si orienterà sui libri di letteratura, arte e libri per ragazzi e arriveranno a Torino numerosi intellettuali per partecipare ai convegni.

 

"Per il momento abbiamo 21 libri tradotti in italiano - ha concluso Almaghlooth - ma contiamo di proporne altri e di far conoscere meglio l'Islam agli Italiani e a chi è interessato a capirne la cultura, e porteremo informazioni sui nostri luoghi sacri. Per sapere cos'è la Mecca oggi non esistono testi in italiano: intendiamo offrire al pubblico del Salone la possibilità di scoprirlo".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima della Scala, Andrea Chénier di Umberto Giordano inaugura la stagione

La Prima della Scala di Milano, tra vip e proteste

Inaugura la stagione scaligera 2017/2018 con Andrea Chénier, l'opera di Umberto Giordano

Milano, ultimi preparativi per la Prima della Scala

Scala, oggi la prima con il ritorno dell'Andrea Chénier e Anna Netrebko

La protagonista è Anna Netrebko, considerata da molti una nuova Callas

Attesa a Napoli per la pizza patrimonio immateriale dell'Unesco

Unesco, l'arte della pizza diventa patrimonio dell'umanità

Un riconoscimento a lungo atteso, che premia i pizzaiuoli, il loro lavoro, la loro identità

Trasmissione "Che Tempo Che Fa"

Molestie, Fabio Volo: "Da giovane mi difesi da avance, ma per le donne non è semplice"

A Radio Rai 1 l'artista racconta uno spiacevole episodio che risale agli anni in cui era un giovane cantante