Venerdì 23 Settembre 2016 - 15:30

Salone del Gusto, ecco i dieci prodotti da non perdere

Dal maiale glabro all'uvetta abjosh, tutte le prelibatezze di questa edizione da provare assolutamente

Salone del Gusto, ecco i dieci prodotti da non perdere

Orientarsi nell'immenso flusso di sapori e odori che ha invaso Torino è un'impresa titanica. Tra le tante proposte curiose, eccone dieci imperdibili. Se non fosse altro che l'unica occasione per assaggiarle potrebbe proprio essere questa edizione del Salone del Gusto:

1) Il fonio di Tambacounda e Kolda, in Senegal. E' coltivato a mano da una comunità 945 contadini su 1131 ettari di terreno: le spighe, falciate dagli uomini, sono raccolte in covoni e messe a seccare su piattaforme di legno. La trebbiatura si fa, con bastoni o pigiando con i piedi, su aree in terra battuta o di argilla coperta con sterco di vacca. I chicchi sono setacciati dalle donne per ripulirli e poi stoccati nei granai.

2) Tra le novità dall'Africa c'è anche l'igname rampicante, un tubero ugandese conosciuto con il nome di balugu, che si può mangiare fresco, bollito o fritto.

3) Dalla Gran Bretagna arriva lo Stichelton a latte crudo, formaggio vaccino blu, di forma rotonda realizzato con il latte crudo secondo la tradizione. Il suo unico produttore è reduce da una battaglia condotta anche con l'aiuto di Slow Food per tentare di modificare il disciplinare dello Stilton (il più celebre formaggio erborinato britannico), che obbliga a pastorizzare il latte e che, quindi, impedisce al Presidio di usare il nome storico.

4) Dall'Abruzzo arriva la salsiccia di fegato aquilana, detta localmente cicolana. Il salume si prepara con fegato, cuore e lingua di maiale e con l'aggiunta di un po' di carne magra e grasso, seguendo lo storico processo di lavorazione.

5) La Sicilia offre la fava di Ustica che è coltivata senza concimi né erbicidi ed è cucinata tradizionalmente nel macco di fave, a base di fave secche e finocchietto selvatico.

6) Il Canada entra di diritto nella top ten delle cose da assaggiare con il salmone sockeye del fiume Okanagan. Questo pesce è pescato dalle popolazioni indigene Syilx secondo i sistemi tradizionali e lavorato in modo da utilizzarne ogni parte, come le teste e le lische, impiegate per preparare zuppe.

7) Il Messico presenta il maiale glabro della penisola dello Yucatan, conosciuto sin dall'epoca Maya per la sua carne poco grassa dal sapore intenso. Una possibilità è assaggiarlo accompagnato con i semi di zucca provenienti dalla stessa zona, tostati e macinati, usati per preparare condimenti tradizionali come il sikil pak, una salsa che contiene anche pomodoro e peperoncino habanero.

8) Dalla Macedonia arriva l'uva stanushina, da cui si ricava il vino kominyak, di colore rosso rubino, e il madzun, una bevanda usata tradizionalmente come medicina.

9) L'uvetta abjosh di Herat non è una novità ma la scorsa edizione del Salone del Gusto è andata letteralmente a ruba. Arriva dall'Afghanistan a Torino viaggiando su un aereo militare, grazie alla collaborazione del Ministero della Difesa, dell'Esercito Italiano e del Comando Operativo di vertice Interforze (COI).

10) I fiori eduli di Koppert Cress, azienda olandese specializzata nella produzione di micro-ortaggi, piante aromatiche e germogli. Anche se la moda dei fiori commestibili ha qualche anno, è impossibile non rimanere stupiti per la varietà, gli aromi e l'uso in cucina.

Scritto da 
  • Claudia Luise
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Non  si esclude che possa trattarsi di un incidente avvenuto in tempi  non recenti

Continuano le indagini sullo scandalo alimentare delle uova contaminate con l'insetticida Fipronil

Uova contaminate, migliaia sequestrate ad Ancona e Viterbo

Si aggiungono a quelli già comunicati dal Ministero della Salute

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

L'intera famiglia è stata salvata dalle macerie. "Un vero e proprio miracolo", commenta la direttrice sanitaria dell'Asl Napoli 2