Giovedì 04 Maggio 2017 - 14:15

Sacchi: La Juve è favorita in finale, al Real serve un capolavoro

Il tecnico di Fusignano già proiettato all'atto finale della Champions a Cardiff

Sacchi: La Juve è favorita in finale, al Real serve un capolavoro

Dopo le due semifinali di Champions League che hanno visto trionfare nettamente Juventus e Real Madrid, Arrigo Sacchi si proietta già sulla finale di Cardiff. "Il Real Madrid, nonostante la saggezza di Zidane, è il Real Madrid: non può stare indietro e questa credo sia una situazione ideale per la Juventus, inoltre la Juventus ha la determinazione di chi non ha vinto, quasi mai, la Champions - ha sottolineato in un'intervista a 'Tutti Convocati' su Radio 24 - Gli altri ce l'hanno minore, per questo credo che il Real Madrid dovrà compiere veramente un capolavoro, altrimenti la mia favorita, nonostante io mi avvicino di più col pensiero al Real Madrid e son stato anche a lavorare lì e son sempre molto affezionato, devo dire che rimane la Juventus".

L'ex allenatore del Milan è tornato sull'esclusione di Bonucci in occasione della gara con il Porto. "Il club e Max Allegri hanno preso una decisione durissima, difficilissima nel nostro paese, quella per cui la legge è uguale per tutti e hanno punito Bonucci prima della partita col Porto che sembrava una partita difficile - ha sottolineato - Bonucci stesso, quando ci siamo trovati una settimana dopo mi ha detto 'Quella scelta della società mi ha fatto capire tante cose, ho sbagliato, e ha fatto capire tante cose anche alla squadra'. L'ordine era restituito. Quindi oltre a questo sono le idee, il lavoro, l'impegno, il gruppo l'energia. Quando c'è una pulsione così forte, il corpo l'accompagna e supera i propri limiti fisici, intellettivi".

Soffermandosi sul rendimenti in campo dei bianconeri, Sacchi ha ammesso che "questa Juventus sta facendo qualcosa di straordinario, il gioco non sempre, per essere chiari, è stato brillante, però è di una forza impressionante. Dico questo per quando doveva incontrare il Porto, il Porto non si è neanche visto, allora si è detto 'il Porto è una squadretta'. Ma non è così, il Porto non è una squadretta. Poi ha dovuto incontrare una grande squadra come il Barcellona e si è detto 'Beh il Barcellona non è in forma, ha perso diverse partite', poi una settimana dopo il Barcellona incontra il Real Madrid a Madrid e fa una partita epocale, pazzesca - ha ricordato - Allora a qualcuno verrà il dubbio che è questa forza brutale della Juventus, che è veramente un carro armato, una macchina che annichilisce completamente l'avversario fino a renderli scialbi, quasi scarsi. L'ultima è capitata ieri con il Monaco, io devo dire, l'ho anche scritto, che per quanto mi sforzassi di pensare come il Monaco potesse passare con la Juventus ho detto 'Può riuscirci solo in un modo: se la Juventus fa harakiri'", ha concluso l'ex tecnico rossonero.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Premier, Guardiola contro il calendario: "Così uccidiamo i giocatori"

L'allenatore del Manchester City critico dopo gli infortuni subiti dai suoi nei giorni scorsi

Coppa Italia, derby Milano: Spalletti e Gattuso, vincere per svoltare

Un momento delicato per entrambe le squadre. Parola d'ordine: battere l'avversario

Roma vs Torino - Tim Cup 2017 2018

Coppa Italia, impresa Toro a Roma (1-2): granata staccano pass per quarti

Ottima partita dei granata che ci hanno creduto di più. La Roma si sveglia troppo tardi. Reti: De Silvestri, Edera e Schikh. Dzeko si fa parare un rigore

Atalanta vs Sassuolo - Coppa Italia 2017/2018

Coppa Italia, Sassuolo ko 2-1: Atalanta trova Napoli ai quarti

I nerazzurri hanno dominato la gara per 70 minuti, ma che nel finale hanno rischiato