Giovedì 28 Settembre 2017 - 16:15

Ryanair nel mirino delle autorità Uk, in Italia si attivano consumatori

Avviata una azione esecutiva dopo il caos dei voli cancellati

Ryanair nel mirino delle autorità Uk, in Italia si attivano consumatori

L'annuncio di una nuova serie di cancellazioni da novembre al marzo del 2018, destinata a colpire circa 400mila viaggiatori che hanno già prenotato un volo, ha spinto la Civil Aviation Authority, l'autorità britannica per l'aviazione civile, ad accendere il suo faro su Ryanair. Nei confronti del vettore irlandese è stata infatti avviata una azione esecutiva, si legge sul sito della stessa CAA, per aver fornito ai passeggeri informazioni inaccurate riguardo ai loro diritti.

"Ci sono delle leggi chiare in vigore, che sono pensate per assistere i passeggeri in caso di cancellazione, aiutando a minimizzare sia la frustrazione che il disagio causati da circostanze completamente al di fuori del loro controllo", ha precisato il presidente dell'autorità, Andrew Haines, sottolineando che "abbiamo fatto presente in modo chiaro tutto questo a Ryanair, che è ben consapevole dei suoi obblighi legali, che includono quando dovrebbero reindirizzare i passeggeri, oltre al livello di informazione che dovrebbero fornire loro". Il problema, secondo Haines, è che l'informativa pubblicata dalla stessa compagnia aerea riguardo ai nuovi disagi "non mette questo in chiaro". La CAA ha prontamente inviato una lettera - a sua volta resa pubblica online - a Juliusz Komorek, il capo dell'ufficio legale di Ryanair, chiedendo alla società di uniformarsi alle regole e invitando i suoi vertici a rendersi disponibili e allo stesso manager di comunicare le proprie disponibilità per un incontro di persona o telefonico nel quale chiarire la situazione. Se la compagnia non invertirà la rotta, precisa l'autorità, il prossimo passo sarà quello della procedura legale.

In Italia, intanto, a far sentire la propria voce in nome dei viaggiatori sono le associazioni dei consumatori. Ieri sera, dopo la diffusione del comunicato di Ryanair, il Codacons aveva ricordato agli utenti colpiti dalla nuova tornata di cancellazioni la possibilità di avanzare richiesta di risarcimento utilizzando il modulo pubblicato sul proprio sito internet. Anche l'Adoc, questa mattina, ha reso noto che fornirà assistenza ai clienti che desiderano chiedere compensazioni, avvalendosi della collaborazione dell'Associazione Italiana Agenti di Viaggio. "Esistono regole ben precise che tutelano i passeggeri coinvolti, così come previsto dalla Carta dei Diritti del Passeggero, che vanno rispettate e applicate alla lettera", sottolinea il presidente dell'Adoc, Roberto Tascin.

Le procedure di rimborso, riprotezione e compensazione comunicate dalla stessa Ryanair per le cancellazioni sono d'altra parte già consultabili da alcuni giorni sul sito dell'Enac, che ha contattato il vettore lo scorso 21 settembre per chiarire la questione. L'informativa fornita ai passeggeri ricorda che le somme pagate devono essere restituite per intero senza spese per la gestione della pratica, che in caso di biglietti per voli di andata e ritorno per i quali solo una delle due tratte sia stata cancellata è possibile la modifica senza costi aggiuntivi anche della tratta non cancellata e che i rimborsi sono corrisposti entro 7 giorni dalla richiesta.

Scritto da 
  • Marco Valsecchi
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piantumazione alberi - Biblioteca degli alberi Porta Nuova

La assunzioni salgono del 20,1%, ma ancora a tempo determinato

Positivi i dati dell'Inps sul lavoro nei primi nove mesi 2017. Il saldo positivo tra assunzioni e cessazioni è di 721 mila. Balzo del lavoro a chiamata

Ecofin, riunione dei ministri delle finanze dell'Unione europea in Lussemburgo

Bilancio, la lettera della Ue. Italia rimandata a maggio

La Commissione europea invita a non annacquare le misure chiave. "Evitare passi indietro sulle pensioni. Attuare la Fornero"

Risultati candidatura ema milano

Ema, polemiche dopo la sconfitta. Maroni: "C'è stata scorrettezza"

L'Agenzia del Farmaco finita ad Amsterdam per sorteggio. Il governatore lombardo: "Gentiloni e Alfano potevano farsi vedere". Tutti contro il sistema di decisione

Sede Ema, oggi il verdetto

Agenzia del farmaco, il sorteggio decide per Amsterdam

La terza votazione è finita 13 a 13. Milano sfortunata nell'estrazione. Vola via un indotto da 1,7 miliardi all'anno. Gentiloni: "Che beffa!"