Venerdì 01 Dicembre 2017 - 16:15

Russiagate, Flynn si dichiara colpevole di aver mentito all'Fbi

Il procuratore speciale Mueller accusa l'ex consigliere alla Sicurezza nazionale che, ora, sarebbe pronto a testimoniare contro Trump

FILE PHOTO: White House National Security Advisor Michael Flynn speaks at the White House in Washington

L'ex consigliere alla sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, Michael Flynn, si è dichiarato colpevole di aver rilasciato false dichiarazioni all'Fbi, in relazione ai suoi contatti con l'ambasciatore della Russia negli Stati Uniti. E sarebbe anche pronto a testimoniare contro il presidente degli Stati Uniti.

Flynn dovrebbe raccontare come Trump lo istruì perché prendesse contatti con i russi, quando era candidato alla Casa Bianca. Lo ha riferito Abc News, citando una fonte vicina a Flynn.

Flynn è comparso in tribunale alle 16.30 italiane dove il procuratore speciale sul Russiagate, Michael Mueller lo ha accusato di aver mentito all'Fbi. In un dossier di due pagine, a cui Efe ha avuto accesso, il procuratore speciale ha accusato Flynn di aver raccontato bugie su alcuni colloqui avuti con membri del governo russo.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A view shows a RER D train and the tracks in Paris

Francia, scontro treno-scuolabus vicino Perpignan: morti quattro adolescenti

Il pullman che trasportava i ragazzini dal liceo di Millas spaccato a metà nell'impatto, come feriscono alcuni testimoni

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura