Lunedì 27 Marzo 2017 - 11:30

Russia, Salvini: Polizia ha fatto bene a intervenire, montatura media

"Che Putin venga considerato un dittatore mi fa sorridere"

Russia, Salvini: Polizia ha fatto bene a intervenire, montatura media

"Mi sembra esagerato creare novelli eroi. È l'ennesima montatura mediatica". Così il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, commenta in un'intervista su La Stampa gli arresti avvenuti ieri a Mosca durante la manifestazione contro la corruzione. Secondo Salvini l'intervento della polizia stato giustificato dal fatto che la manifestazione non è stata autorizzata: "Io sono per la libertà di pensiero. E sono sempre per le manifestazioni autorizzate. Ma non mi sembra che questa sia stata autorizzata". Il leader della Lega sottolinea anche come "in Russia sei mesi fa ci sono state le elezioni. Ha votato il 48% dei russi ed è stato eletto democraticamente un Parlamento", dunque se Putin "è considerato un dittatore mi fa sorridere".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito