Lunedì 29 Febbraio 2016 - 11:45

Mosca, in strada con testa bimba: arrestata bambinaia

La donna minacciava di farsi esplodere e scandiva slogan islamisti, fuori dalla stazione Oktyabrskoy

Russia, in strada con testa bimba a Mosca: arrestata bambinaia

Una donna è stata arrestata a Mosca, dopo che vicino a una fermata di metropolitana ha urlato "Allah Akbar" mostrando la testa mozzata di un bambina. Lo hanno riferito i media russi, mentre secondo l'agenzia di stampa Ria si tratterebbe di una bambinaia. Secondo il racconto di testimoni e video diffusi online, la donna minacciava di farsi esplodere e scandiva slogan islamisti, fuori dalla stazione Oktyabrskoy. Nella stessa zona dove la donna è stata presa in custodia era poco prima stato spento un incendio in un appartamento, in cui era stato trovato il cadavere ustionato di un bambina decapitata e altre quattro persone erano state portate in salvo.

Secondo le prime ricostruzioni, la bambinaia avrebbe aspettato che i genitori e un figlio lasciassero la casa, poi avrebbe ucciso la piccola di 3 o 4 anni e appiccato il fuoco. Una portavoce della polizia, Yulia Ivanova, ha detto che la donna è evidentemente mentalmente instabile e che sarà eseguita una perizia psichiatrica. La bambinaia, secondo notizie ufficiose riferite dai media russi, proverrebbe dall'Asia centrale.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont sospende l'indipendenza e apre ai negoziati Madrid

Catalogna, carcere ai leader indipendentisti Sanchez e Cuixart

Puigdemont: Sono detenuti politici. Il governatore glissa su indipendenza, ma Rajoy non ci sta

Malta, giornalista uccisa in esplosione auto. Premier: Voglio giustizia

Stava guidando verso Mosta quando l'auto è esplosa, la donna è morta sul colpo

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

Iraq, le forze di Baghdad prendono il controllo di Kirkuk: via bandiera curda

I peshmerga: "Il governo pagherà un prezzo alto per aver fatto la guerra al nostro popolo"

Madrid, udienza per il comandante dei Mossos d'Esquadra catalani

Catalogna, procura chiede il carcere per il capo dei Mossos d'Esquadra

Josep Lluis Trapero è indagato per sedizione assieme all'intendente Teresa Laplana