Domenica 11 Febbraio 2018 - 13:45

Russia, aereo si schianta alle porte di Mosca: "Morti i 71 a bordo"

L'Antonov An-148, era diretto verso Orsk, città negli Urali, è scomparso dai radar due minuti dopo il decollo

Un aereo di linea russo si è schiantato alle porte di Mosca poco dopo essere decollato dall'aeroporto Domodedovo e tutte le 71 persone (65 passeggeri e sei membri dell'equipaggio) che si trovavano a bordo sono morte. Prima ancora della conferma della morte dei 71, giunta dagli inquirenti, la situazione era apparsa disperata: non c'è "nessuna chance" di trovare superstiti, aveva detto uno dei soccorritori all'agenzia di stampa Interfax.

L'aereo, un Antonov An-148 operato da Saratov Airlines, era diretto a Orsk, città negli Urali, e si è schiantato circa 70 chilometri a sudest di Mosca nei pressi del villaggio di Argunovo, nel distretto di Ramensky. Nei due minuti successivi al decollo era scomparso dai radar, fanno sapere fonti del Domodedovo, che è il secondo aeroporto della capitale russa.

Le prime immagini diffuse dalle tv russe mostrano i resti dell'aereo, di colore arancione, disseminati nei campi innevati. Le cause dell'incidente non sono ancora chiare ed è stata aperta un'indagine. Secondo fonti investigative anonime, il pilota avrebbe riferito di un guasto e chiesto il via libera per un atterraggio di emergenza. Il ministero dei Trasporti, però ha fatto sapere di star valutando varie piste, fra cui l'errore umano, il guasto tecnico e le condizioni meteo. Negli ultimi giorni la Russia sta recuperando dopo nevicate record e pare che la visibilità fosse scarsa.

Voci e smentite si rincorrono invece su un presunto scontro con un elicottero: diverse fonti, citate dalle agenzie di stampa russe, riferiscono di una collisione fra l'aereo e un elicottero delle Poste russe poco dopo il decollo; questa versione, tuttavia è stata smentita dalle Poste. Nessun riferimento invece all'ipotesi di un atto terroristico. Il presidente russo, Vladimir Putin, "ha ordinato al governo di creare una commissione speciale su questa catastrofe aerea", ha riferito il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. E Putin ha anche espresso profonde condoglianze a chi ha perso i propri cari. Secondo le agenzie di stampa russe, dei testimoni hanno visto cadere l'aereo in fiamme verso il villaggio di Argunovo. I resti del velivolo sono disseminati su una superficie ampia intorno al luogo dello schianto, riporta Interfax.

Loading the player...

Il ministero per le Situazioni d'emergenza ha fatto sapere di avere inviato sul posto oltre 150 soccorritori e una ventina di veicoli. Ma, a causa della neve, i soccorritori non sono riusciti a raggiungere il luogo dello schianto in auto, quindi sono arrivati sul posto a piedi. Qui si è recato anche il ministro russo dei Trasporti, Maxime Sokolov. Il governatore della regione di Orenburg, dove l'aereo era diretto, riferiscono ai media russi che "oltre 60 persone" a bordo provenivano dall'area. Il sito web Ural56.ru, della regione, mostra le immagini dei parenti disperati nell'aeroporto di Orsk, dove l'aereo doveva atterrare. Il sindaco di Orsk, cittadina vicino al confine con il Kazakistan, Andrei Odintsov, ha detto alla tv di Stato che sei psicologi e quattro ambulanze con personale medico stanno dando assistenza ai parenti delle vittime nel piccolo aeroporto. Un centro di crisi è stato aperto inoltre all'aeroporto moscovita di Domodedovo.

L'An-148 aveva realizzato il suo primo volo nel 2004: questo velivolo per tratte brevi può trasportare fino a 80 passeggeri, su una distanza di 3.600 chilometri. La Saratov Airlines, con sede a Saratov, sul Volga, lavora essenzialmente con aerei russi Antonov e Yakovlev. Questa compagnia, che non è mai stata coinvolta in un incidente mortale dalla fine dell'Urss nel 1991, serve principalmente città russe di provincia, come pure le capitali del Caucaso. L'ultimo incidente mortale di un aereo sul territorio russo risale a dicembre del 2016: allora un aereo militare Tu-154, che trasportava il famoso Coro dell'Armata rossa, si schiantò dopo il decollo da Adler, vicino Sochi, e tutte le 92 persone a bordo morirono. L'aereo era diretto alla base aerea russa di Hmeimim, in Siria: il coro avrebbe dovuto tenere un concerto per i soldati russi in servizio in Siria e l'incidente fu attribuito all'errore umano. A marzo del 2016 tutti e 62 i passeggeri morirono nello schianto di un Boeing 737 della compagnia FlyDubai durante un tentativo fallito di atterraggio all'aeroporto di Rostov-on-Don, in condizioni meteo avverse.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Gala omaggio della AFI al 46esimo premio alla vita di George Clooney

Migranti, da George e Amal Clooney 100mila dollari per i bimbi separati dalle famiglie

Sempre più celebrità si schierano contro la politica della 'tolleranza zero' di Trump

Messico-Usa, la "Viacrucis Migrante"

Migranti, Trump: "Firmato decreto per tenere famiglie unite"

La decisione dopo le polemiche sui bimbi separati dai genitori fermati per essere entrati illegalmente negli Stati Uniti

I Cardinali elettori

Usa, il cardinal Mc Carrick colpevole di abusi su minore

L'arcivescovo emerito di Washington accusato per un fatto di 50 anni fa. Gli inquirenti hanno ritenuto credibile la denuncia. Lui: "Non ricordo, ma accetto la sentenza"

Flusso di migranti al confine fra Ungheria e Austria

L'Ungheria approva la legge 'Stop-Soros': carcere a chi aiuta i migranti

Il pacchetto prende il nome dal miliardario Usa George Soros, accusato da Orban di orchestrare l'immigrazione in Europa