Giovedì 21 Luglio 2016 - 09:30

Caserta, rubavano e rivendevano reperti storici: 4 misure cautelari

Recuperati e sottoposti a sequestro più di 170 manufatti archeologici

Rubavano e rivendevano reperti archeologici: 4 misure cautelari a Caserta

I carabinieri del Comando Stazione di Teano (Caserta), hanno eseguito una misura cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su conforme richiesta della locale Procura, nei confronti di quattro soggetti (2 agli arresti domiciliari, un obbligo di dimora ed un obbligo di presentazione  alla polizia giudiziaria), accusati di aver rubato oggetti di interesse storico - archeologico, poi venduti sul mercato illegale anche a noti professionisti della zona. Recuperati e sottoposti a sequestro più di 170 manufatti di notevole interesse storico appartenenti a varie epoche che vanno dal I-II secolo d.C. al VIII - VI secolo a. C. per valore di circa 500mila euro tutti affidati alla Sovrintendenza per i Beni Culturali. Nel corso dell'esecuzione dei provvedimenti presso le abitazioni degli indagati i  carabinieri hanno rinvenuto ulteriori 5 oggetti di interesse storico - archeologico, che verranno affidati alla Sovrintendenza per i Beni Culturali.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Bimbo abbandonato a Brescia, trovata la mamma: ha altri 5 figli

La donna ha nascosto la gravidanza e ha poi abbandonato il piccolo in un vicolo

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via il convegno a Treviso con Laitenberger e Pitruzzella

Il 24 e il 25 maggio torna la tredicesima edizione del convegno

Roma, la sindaca Raggi in ospedale per un malore

Livorno, crolla solaio in una scuola: ferito professore

L'uomo è salito su un pannello divisorio di cartongesso per aprire una finestra

"Mangia in piedi come un animale", bimbi insultati e maltrattati: arrestate due maestre a Parma

In manette due insegnanti di Colorno accusate di violenze su alunni della materna. Codacons: "Installare telecamere nelle scuole". Un altro caso a Udine