Sabato 05 Agosto 2017 - 12:30

Ruanda, Kagame rieletto presidente per terzo mandato con 98%

Ma è anche sempre più criticato per i diffusi abusi dei diritti umani

Il Rwanda alle urne per eleggere il presidente

Il presidente uscente del Ruanda, Paul Kagame, è stato rieletto con il 98,66% dei voti nelle elezioni di venerdì, mentre il conteggio delle schede è all'80% e il dato definitivo è atteso alle 16 italiane. Ottiene così il terzo mandato, estendendo i suoi 17 anni al potere nel Paese africano. A fornire i dati è stato il segretario esecutivo della Commissione elettorale, Charles Munyaneza. Kagame ha avuto il plauso della comunità internazionale per la ripresa e la pacificazione seguite al genocidio del 1994, in cui morirono oltre 800mila persone di etnia tutsi e hutu moderati. 

Ma è anche sempre più criticato per i diffusi abusi dei diritti umani, per il bavaglio imposto ai media e la soppressione dell'opposizione politica. Secondo la commissione elettorale, l'affluenza arriverà al 90% nel Paese di 12 milioni di persone. A sfidare Kagame sono stati il candidato dell'opposizione Frank Habineza e l'indipendente Phillippe Mpayimana. "Saranno altri sette anni in cui prendersi cura di questioni che riguardano i ruandesi e garantire che diventiamo davvero ruandesi con sviluppo economico", ha dichiarato il vincitore in un discorso trasmesso in diretta tv.

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vertice Ue sui migranti a Bruxelles

Migranti, manca intesa Ue: Macron e Merkel puntano ad accordi bi-trilaterali

La soluzione europea al fenomeno migratorio è ancora lontana

Vertice Ue sui migranti a Bruxelles

Migranti, i 10 punti della proposta Conte

Da "chi sbarca in Italia, sbarca in Ue" ai "centri di protezione"

TURKEY-POLITICS-VOTE

Voto Turchia, Erdogan riconfermato. Fermati 4 italiani ai seggi

Il principale avversario, Ince, sfiora il 30%. I nostri connazionali, con altri 6 stranieri, erano osservatori antibrogli

SAUDI-SOCIETY-WOMEN-DRIVING

Arabia Saudita, stop al divieto di guida per le donne: ma attiviste ancora in carcere

Un evento storico all'interno di un più vasto piano per modernizzare il ricco paese del petrolio