Venerdì 08 Luglio 2016 - 11:00

Rottura Lazio-Bielsa: la panchina torna a Simone Inzaghi

Lotito starebbe meditando di aprire un contenzioso legale con il tecnico argentino

Rottura Lazio-Bielsa: la panchina torna a Simone Inzaghi

Finisce malissimo il rapporto mai nato tra la Lazio e Marcelo Bielsa. Il tecnico argentino ha comunicato ufficialmente alla società biancoceleste che non intende venire a Roma, al punto che Claudio Lotito - secondo quando si apprende da fonti vicino al presidente laziale - starebbe meditando di aprire un contenzioso legale. Per la panchina è stato richiamato Simone Inzaghi, che era già stato presentato come tecnico della Salernitana.

La conferma dell'accaduto arriva da una nota pubblicata dalla società. "Prendiamo atto con stupore delle dimissioni del Sig. Marcelo Bielsa, anche a nome dei suoi collaboratori, in palese violazione degli impegni assunti con i contratti sottoscritti la settimana scorsa e regolarmente depositati presso la Lega e la Figc con i relativi adempimenti previsti", si legge nel comunicato. "La Società si riserva ogni azione a tutela dei propri diritti. Affida la conduzione della squadra nel ritiro preparatorio al Sig. Simone Inzaghi".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lazio - Cittadella

Coppa Italia, la Lazio rialza la testa. Ci va di mezzo il Cittadella: 4-1

All'Olimpico doppietta di Immobile, reti di Felipe Anderson e Bartolomei e autogol di Camigliano. Inzaghi trova la Fiorentina ai quarti

(SP)ITALY-ROMA-SERIE A-LAZIO-TORINO

"Antisportiva ma non grave". Solo una giornata a Immobile per la testata a Burdisso

Il giudice sportivo ha limitato al minimo la pena per un giocatore comunque espulso. Aggiunti 10mila euro di multa

Lazio - Torino

Bel Toro a Roma, ma la Lazio è battuta (1-3) anche dal Var

Bella partita all'Olimpico. Bene i granata nel primo tempo. Ma un episodio condanna i biancoazzurri. Giacomelli: niente rigore e rosso a Immobile (mezza testata a Burdisso). Nella ripresa gol di Berenguer, Rincon, Luis Alberto e del ragazzino Edera