Sabato 04 Febbraio 2017 - 21:00

Romania, vince la piazza: governo ritira decreto corruzione

Da martedì, hanno manifestato in media 250mila persone per notte

Protesters hold effigies with the faces of leader of Romania's leftist Social Democrat Party (PSD) Dragnea and other members of the party dressed as prisoners, during a demonstration in Bucharest

Il governo della Romania ha ritirato il decreto per depenalizzare alcuni reati di corruzione. Lo ha annunciato Calin Tariceanu, del partito Alleanza liberaldemocratica (Alde) in coalizione con il Partito socialdemocratico al potere, parlando con l'emittente privata RomaniaTV.

Il premier della Romania, Sorin Grindeanu, ha sucessivamente confermato il ritiro del decreto per depenalizzare alcuni reati di corruzione, contro il quale nei giorni scorsi si sono svolte le proteste più grandi nel Paese dalla caduta del comunismo nel 1989. "Domani terremo una sessione di governo straordinaria per revocare il decreto", ha dichiarato Grindeanu ai media. Poco fa aveva dato l'annuncio della revoca Calin Tariceanu, del partito Alleanza liberaldemocratica (Alde) di coalizione con il Partito socialdemocratico al potere.

 "I contenuti non sono stati trasmessi in modo corretto, ciò ha creato confusione, quindi il ministero e il ministro della Giustizia si assumono la responsabilità delle conseguenze", ha aggiunto il premier, affermando che il governo non vuole la società sia divisa e annunciando che negozierà con l'opposizione un nuovo progetto di legge che ottenga il maggior appoggio possibile. Oggi 140mila persone sono nuovamente scese in strada per manifestare, per il quinto giorno consecutivo, davanti alla sede dell'esecutivo. Da martedì, hanno manifestato in media 250mila persone per notte.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia: Andremo al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Usa 2016, Donald Trump in campagna elettorale

Hope Hicks, nuova direttrice della comunicazione per Trump

Già nel 2016 era stata la portavoce della campagna elettorale di Donald Trump

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam