Sabato 04 Febbraio 2017 - 21:00

Romania, vince la piazza: governo ritira decreto corruzione

Da martedì, hanno manifestato in media 250mila persone per notte

Protesters hold effigies with the faces of leader of Romania's leftist Social Democrat Party (PSD) Dragnea and other members of the party dressed as prisoners, during a demonstration in Bucharest

Il governo della Romania ha ritirato il decreto per depenalizzare alcuni reati di corruzione. Lo ha annunciato Calin Tariceanu, del partito Alleanza liberaldemocratica (Alde) in coalizione con il Partito socialdemocratico al potere, parlando con l'emittente privata RomaniaTV.

Il premier della Romania, Sorin Grindeanu, ha sucessivamente confermato il ritiro del decreto per depenalizzare alcuni reati di corruzione, contro il quale nei giorni scorsi si sono svolte le proteste più grandi nel Paese dalla caduta del comunismo nel 1989. "Domani terremo una sessione di governo straordinaria per revocare il decreto", ha dichiarato Grindeanu ai media. Poco fa aveva dato l'annuncio della revoca Calin Tariceanu, del partito Alleanza liberaldemocratica (Alde) di coalizione con il Partito socialdemocratico al potere.

 "I contenuti non sono stati trasmessi in modo corretto, ciò ha creato confusione, quindi il ministero e il ministro della Giustizia si assumono la responsabilità delle conseguenze", ha aggiunto il premier, affermando che il governo non vuole la società sia divisa e annunciando che negozierà con l'opposizione un nuovo progetto di legge che ottenga il maggior appoggio possibile. Oggi 140mila persone sono nuovamente scese in strada per manifestare, per il quinto giorno consecutivo, davanti alla sede dell'esecutivo. Da martedì, hanno manifestato in media 250mila persone per notte.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

La procura spagnola chiede mandato arresto Ue per l'ex governatore

Germania, Spd in congresso straordinario a Bonn

Germania, da Spd sì a coalizione con Merkel. Schulz: "Abbiamo lottato per maggioranza"

Luce verde ai negoziati formali per formare una Grosse Koalition con i conservatori: 362 favorevoli e 279 contrari

Iraq, ondata di autobombe a Baghdad

Cittadina tedesca affiliata all'Isis condannata a morte in Iraq

È la prima volta che il Paese emette una sentenza di questo tipo nei confronti di una donna europea

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio