Giovedì 08 Settembre 2016 - 09:00

Roma, vede carabinieri e ingoia 8 dosi di cocaina: 23enne in ospedale

Il giovane e un altro ragazzo sono stati denunciati per detenzione di stupefacenti

Roma, vede carabinieri e ingoia 8 dosi di cocaina: 23enne in ospedale

Due ragazzi romani di 20 e 23 anni, entrambi già noti alle forze dell’ordine, sono stati denunciati a piede libero dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia Roma Eur con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I giovani sono stati notati aggirarsi con fare sospetto in via delle Tre Fontane: accompagnati in caserma, il controllo - eseguito anche con una unità cinofila antidroga del nucleo carabinieri di santa Maria di Galeria - ha dato, inizialmente, esito negativo. 

Ad un certo punto però, il 23enne ha accusato un malore e si è accasciato a terra. Attivati i soccorsi, il ragazzo è stato portato in ambulanza all’ospedale Sant’Eugenio dove è emerso che nello stomaco aveva 8 involucri termosaldati contenenti cocaina, che lo stesso ha ammesso di aver ingerito alla vista dei Carabinieri.

Il 23enne è tuttora ricoverato in osservazione nel reparto di medicina d’urgenza, ma non risulta in pericolo di vita.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Marcia per la sicurezza organizzata da Forna Nuova a Tiburtino III

Forza Nuova rinuncia alla marcia su Roma del 28 ottobre

La manifestazione era stata vietata dalla questura

Prima udienza del processo Mafia Capitale.

Mafia capitale, i giudici: "Nessuna mafiosità autonoma o derivata"

Le motivazioni della sentenza che condannò Carminati a 20 anni e Buzzi a 19 per l'inchiesta Mondo di mezzo

Latina, uccide ladro: indagato per eccesso colposo di difesa

Latina, uccide ladro: avvocato indagato per eccesso colposo di difesa

L'uomo ha sparato dopo aver sorpreso i malviventi in casa dei genitori

Vietata la 'marcia su Roma' di Forza Nuova: lo stop dalla questura

Vietata la 'marcia su Roma' di Forza Nuova: lo stop dalla questura

Tra le motivazioni gli elevati rischi per l'ordine pubblico. Ieri il no di Raggi e Minniti al corteo