Giovedì 18 Febbraio 2016 - 08:00

Roma, preso il secondo evaso da Rebibbia. L'altro si è costituito

Diaconescu catturato a Tivoli dopo che Ciobanu si è consegnato

Posto di blocco davanti Rebibbia

E' stato fermato alle 5.30 di stamattina dai carabinieri del comando provinciale di Roma Mihai Florin Diaconescu, il romeno di 33 anni che domenica scorsa era evaso dal carcere di Rebibbia insieme al connazionale Catalin Ciobanu, 28enne, consegnatosi in serata alla caserma di Tivoli, vicino a Roma. Diaconescu, si apprende dai carabinieri, è stato fermato a seguito dei controlli partiti dopo la consegna di Ciobanu. L'uomo è stato bloccato durante un controllo mentre, a bordo di un furgone, viaggiava a Tivoli Terme. Ha tentato la fuga a piedi ma è stato bloccato poco dopo.

Catalin Ciobanu si è consegnato intorno alle 21.30 di ieri sera. Si sentiva braccato, ma i carabinieri hanno detto che quando si è presentato in caserma era "tranquillo". Ciobanu è stato condannato, in via non definitiva, per omicidio, ed è fissata a marzo l'udienza del processo che lo vede imputato. Diaconescu ha una condanna definitiva per rapina, legata in particolare a rapine in villa, con fine pena nel 2021. I due sono fuggiti dal carcere romano intorno alle 18.30 di domenica scorsa, dopo aver segato con una lima le sbarre di una finestra e calandosi con alcune lenzuola legate tra loro. La fuga ha scatenato polemiche sulle scarse condizioni di sicurezza e la carenza di personale nel carcere romano, sulle quali la Procura di Roma ha aperto un fascicolo e il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) ha avviato un'indagine interna.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A hashtag is displayed inside Amazon's Black Friday pop-up space in London

Amazon, black friday a rischio: sciopero 4mila dipendenti a Piacenza

I lavoratori chiedono un miglior trattamento economico. Braccia incrociate da venerdì mattina alla stessa ora di sabato

Funerale Totò Riina a Corleone

Facebook chiede scusa ai Riina: condoglianze rimosse per errore

Dopo la morte del boss sui social erano arrivati post che facevano riferimento al suo spessore criminale

Roma, chiuso il set a luci rosse abusivo nell'antica cisterna romana

Una porta di ferro all'ingresso della struttura ha insospettito la Sovrintendenza dei Beni Culturali

I funerali di Noemi Durini, la sedicenne uccisa dal proprio ragazzo

Femminicidio, 'fenomeno allarmante'. Italiani tre quarti degli assassini

I dati presentati in Commissione dal ministro della Giustizia Orlando. E la maggior parte avvengono tra persone che avevano o hanno un legame affettivo