Martedì 17 Gennaio 2017 - 18:15

Respinto ricorso su contratto Raggi-Casaleggio: Era eleggibile

Il tribunale civile della capitale respinge la denuncia della senatrice Pd Monica Cirinnà

Roma, rigettato il ricorso su contratto Raggi-Casaleggio: Sindaca M5S era eleggibile

Il tribunale civile di Roma rigetta il ricorso presentato dalla senatrice Monica Cirinnà (Pd), attraverso l'avvocato Venerando Monello, legato al contratto sottoscritto dalla sindaca Virginia Raggi prima dell'elezione in Campidoglio.

Nel ricorso si riteneva ineleggibile Virginia Raggi per aver firmato il documento che prevede, tra l'altro, una multa di 150mila euro in caso di violazione, per danno di immagine. In subordine, i ricorrenti chiedevano la nullità del contratto stesso.

Il tribunale, si legge nella sentenza, "rigetta la domanda diretta ad ottenere la dichiarazione di ineleggibilità di Virginia Raggi; dichiara l'inammissibilità della domanda di nullità del Codice di comportamento per i candidati ed eletti del Movimento 5 Stelle alle elezioni amministrative di Roma 2016 nelle liste del Movimento 5 stelle". Il giudice condanna inoltre i ricorrenti al pagamento delle spese processuali.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"