Lunedì 26 Marzo 2018 - 11:00

Roma, rientra allarme terrorismo su tunisino. Questura: "Non è pericoloso"

Ma le indagini su Atef Mathlouthi continuano

"Rientrato l'allarme sul cittadino tunisino che al momento non è ritenuto un pericolo concreto e attuale". A farlo sapere la questura di Roma che aggiunge: "La vicenda è in fase di ulteriore approfondimento, ma non ha determinato alcuna allerta in considerazione del fatto che l'innalzamento standard della misure di sicurezza per Pasqua era stato già pianificato".

Le indagini su Atef Mathlouthi erano partite dopo che in una lettera anonima, recapitata all'ambasciata a Tunisi, era emersa la sua intenzione di compiere atti di terrorismo nel nostro Paese, prendendo di mira bar, siti turistici, centri commerciali e metropolitana. L'uomo, 41 anni, era stato arrestato più volte arrestato dalla polizia a Palermo per spaccio di droga.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Stadio della Roma, interrogatori e prime ammissioni: cresce numero indagati

Lanzalone, l'avvocato ex presidente di Acea, ha respinto ogni accusa. Per la procura: avrebbe aiutato Parnasi facendo gli interessi suoi anziché quelli del Comune

Presentazione del progetto del nuovo stadio della Roma

Stadio della Roma, il suo futuro è appeso a un filo: un iter lungo sei anni

La bufera giudiziaria che ha travolto il progetto da un miliardo mette a rischio la realizzazione dell'impianto

Stadio della Roma, tutte le tappe del progetto dal 2011 a oggi

Con il blitz di oggi il rischio che l'opera rimanga incompiuta è tutt'altro che remoto

Presentazione del progetto del nuovo stadio della Roma

Stadio della Roma, nove arrestati per corruzione. Tra loro il presidente di Acea e il costruttore Parnasi

Accusa di associazione a delinquere. In manette anche il vicepresidente del Consiglio Regionale Palozzi e l'ex assessore Civita