Domenica 25 Dicembre 2016 - 10:45

Roma, rapinano e accoltellano donna: fermati due uomini

Gli aggressori hanno 27 e 19 anni, e sono noti per vari precedenti di polizia

polizia

Una donna è stata colpita all'addome con un coltello per rubarle il cellulare. E' accaduto ieri sera in via XX Settembre, a Roma.
Gli agenti della polizia di Stato intervenuti sul posto, accertato il fatto, si sono messi immediatamente alla ricerca dei due malviventi. Poco dopo, una pattuglia del reparto volanti, è riuscita a bloccarli in via Amendola. Questi, quando hanno visto i poliziotti, hanno tentato di liberarsi sia del coltello, con il quale poco prima avevano ferito la vittima all'addome che del telefono,  gettandoli a terra.

I due, bloccati dagli agenti sono stati fermati: hanno 27 e 19 anni, e vari precedenti di polizia. Riconosciuti anche dalla parte lesa, sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria per tentato omicidio.

La vittima invece, cittadina russa, è stata soccorsa e condotta in ospedale. Sottoposta ad intervento chirurgico per accertata lesione al fegato è stata ricoverata in prognosi riservata.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ritrovamento di resti di un corpo umano in un cassonetto della spazzatura in Via Guido Reni

Roma, convalida fermo all'uomo che ha fatto a pezzi la sorella

L'avvocato di Maurizio Diotallevi: "Non c'è stata nessuna premeditazione"

Ritrovamento di resti di un corpo umano in un cassonetto della spazzatura in Via Guido Reni

Donna fatta a pezzi e buttata dentro diversi cassonetti

L'uomo, italiano sulla sessantina, è stato identificato e fermato grazie ai video delle telecamere di sicurezza

Roma, pullman incastrato sotto un ponte: 18 feriti, 3 gravi

Roma, pullman incastrato sotto un ponte: 18 feriti, 3 sono gravi

In codice rosso un bambino di 10 anni ricoverato per trauma cranico

Foto pubblicata sul profilo fb di Vanity Dance Studio

Roma, scritte omofobe su scuola di danza: "Minacce continue"

I gestori del Vanity Dance Studio denunciano l'accaduto. Solidarietà dal vicesindaco Bergamo