Mercoledì 19 Ottobre 2016 - 13:45

Roma, Raggi: Stiamo sradicando corruzione e criminalità

"Minacce subite fanno capire che abbiamo messo dito nella piaga"

Roma, Raggi: Stiamo sradicando corruzione e criminalità

"Abbiamo iniziato a sradicare" la criminalità e la corruzione a Roma. Queste le parole della sindaca di Roma, Virginia Raggi, nel corso dell'audizione alla commissione parlamentare antimafia su Mafia Capitale. "Tutti i cittadini devono comunque tenere la guardia molto alta, combattere tutti i giorni - ha spiegato la prima cittadina -. Mafia Capitale non è solo il processo giudiziario, è un modo di intendere la cosa pubblica". Per l'amministrazione a 5 stelle, ha proseguito Raggi, "la parola chiave è discontinuità".

Contro l'amministrazione capitolina a 5 stelle ci sono stati "atti intimidatori", che "ci fanno capire che abbiamo messo il dito nella piaga" e "forse stiamo andando nella direzione giusta", ha proseguito Raggi. "La macchina amministrativa ha bisogno di rafforzare i propri anticorpi", essa "deve ancora essere completamente bonificata" e "si deve lavorare tutti assieme per un obiettivo più alto, cosa che per anni è stata dimenticata", ha detto la sindaca.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Vitalizi, Di Maio: Se melina,annunciamo manifestazione già prossima settimana

Di Maio: Se si fa melina sui vitalizi faremo presto manifestazione

Il Movimento pronto a portare la gente in piazza

Legge elettorale, in aula Camera ultima settimana di marzo

Legge elettorale, in aula Camera ultima settimana di marzo

E' quanto ha stabilito  la conferenza dei capigruppo di Montecitorio

Pd, Orlando: Bandiera rossa? Mi emoziono di più con L'internazionale

Pd, Orlando: Bandiera rossa? Mi emoziono di più con L'internazionale

"Ma quando la sento penso a un posto in cui sono stato bene, ma che ho lasciato"

Biotestamento, la legge il 13 marzo alla Camera. Cappato indagato per aiuto al suicidio

Biotestamento 13 marzo alla Camera. Dj Fabo, Cappato indagato

Il tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni ha aiutato a morire, negli scorsi giorni, il 40enne Dj Fabo