Giovedì 07 Dicembre 2017 - 22:45

Roma, Raggi: "Se fossi rinviata a giudizio andrei avanti da sindaca"

La prima cittadina della Capitale ospite di Corrado Formigli a Piazza Pulita su La7

Presentazione del Bilancio di Previsione 2018-2020 di Roma Capitale

"Non credo di avere nulla da nascondere. Se fossi rinviata a giudizio andrei avanti, dobbiamo lavorare per Roma. Come ho già detto un milione di volte mi atterrò al codice etico, confido di poter spiegare bene le mie ragioni". Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ospite di Corrado Formigli a Piazza Pulita su La7.

"Quando siamo arrivati in Capidoglio ci siamo ritrovati tantissimi debiti da pagare. Anch'io sarei capace di fare Roma bellissima facendo debiti. Noi non stiamo facendo un euro di debito".

"Ho molti contatti con i ministri e moltissimi non vanno a finire sui giornali. Ho buoni rapporti con il governo, non mi sento assolutamente boicottata". 

E sugli abusivi nella case popolari della Capitale: "Abbiamo trovato 2mila persone che vi risiedono ma non hanno diritto, invece guadagnano moltissimo, e 1600 in case destinate ai genitori. Ci sono persone che sono morte in attesa di una casa popolare. Abbiamo fatto 700 riassegnazioni da quando ci siamo assediati, prima il ritmo era di 200-250 all'anno". 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale