Giovedì 13 Luglio 2017 - 22:00

Roma, Raggi ascoltata da pm per caso nomine: Sono fiduciosa

Sindaca è stata sentita per 4 ore da sostituto procuratore Dall'Olio

Roma, Raggi ascoltata da pm per caso nomine: Sono fiduciosa

"È stato un colloquio molto cordiale. Del resto lo avevo chiesto io, sono fiduciosa". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi, lasciando gli uffici della procura di Roma dove è stata sentita per spontanee dichiarazioni.
La sindaca è stata sentita per quattro ore nell'ufficio del sostituto procuratore Francesco Dall'Olio, titolare dei due fascicoli sulle nomine in Campidoglio che vedono iscritta la prima cittadina.

Raggi è stata accompagnata in procura dai suoi legali che hanno depositato un parere dell'amministrativista Federico Tedeschini sulla legittimità della nomina di Salvatore Romeo, ex capo della sua segreteria politica.
La sindaca giorni fa aveva manifestato l'intenzione di fornire una serie di chiarimenti sulle inchieste che la vedono indagata per abuso d'ufficio, nel caso della nomina di Romeo, e falso, nel fascicolo sulla scelta di Renato Marra come capo del dipartimento Turismo del Comune. Su questa seconda inchiesta la sindaca ha ribadito davanti ai pm di non aver fatto alcuna falsa dichiarazione in merito.
 

 Secondo la ricostruzione della procura di Roma da parte della prima cittadina ci fu abuso d'ufficio nella nomina del capo della sua segreteria politica, che portò tra l'altro Salvatore Romeo, suo amico, ad avere lo stipendio triplicato, da 39 mila euro lordi l'anno, a 110 mila, scesi successivamente a 93 mila dopo l'intervento dell'Autorità nazionale anticorruzione.
Per quanto riguarda, invece, la nomina del vigile urbano Renato Marra la sindaca è sotto indagine per aver dichiarato alla responsabile anticorruzione del Campidoglio che aveva deciso lei da sola ogni dettaglio di tale scelta, senza consultare l'allora capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra, fratello di Renato. Ma questa circostanza sarebbe palesemente smentita dalle chat, tra la sindaca e l'ex capo del personale, nelle quali Raggi rimprovera a Marra di averla 'messa in imbarazzo' per aver scelto il fratello Renato senza consultarla.
Nella prima inchiesta è indagato per abuso d'ufficio lo stesso Salvatore Romeo. Mentre Raffaele Marra, già a processo per corruzione, rischia per la nomina del fratello un nuovo procedimento per abuso d'ufficio.
Nel fascicolo sulla nomina di Romeo entrano anche le tre polizze sulla vita che il funzionario intestò alla prima cittadina, sua cara amica, del valore complessivo di 41mila euro. Mesi fa quelle stesse assicurazioni costarono il posto all'allora capo della segreteria.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Grosseto, capo vigili di Monte argentario spara a figlio e si uccide

Roma, cancello si scardina: bimbo muore a 4 anni

Il cancello si è sganciato dai binari e gli è caduto addosso: per il piccolo non c'è stato nulla da fare

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi