Martedì 16 Febbraio 2016 - 13:30

Roma, prosegue caccia a evasi Rebibbia: polemiche su sicurezza

Critiche arrivano dal sindacato che denuncia le scarse condizioni di sicurezza nel carcere

Roma, prosegue caccia a evasi Rebibbia: polemiche su sicurezza

Dopo quasi due giorni di ricerche non c'è traccia dei due detenuti evasi dalla casa circondariale di Rebibbia, a Roma, domenica pomeriggio. Foto segnaletiche di Catalin Ciobanu e Mihai Florin Diaconescu, romeni di 28 e di 33 anni, sono state diffuse in tutta Italia alle forze di polizia che partecipano alle ricerche estese da Roma alle frontiere.

Ciobanu è stato condannato, in via non definitiva, per omicidio, ed è fissata a marzo l'udienza del processo che lo vede imputato. Diaconescu ha una condanna definitiva per rapina, legata in particolare a rapine in villa, con fine pena nel 2021. Ai due era stato permesso di lavorare in magazzino. Intorno alle 18.30 di domenica i due sono fuggiti dopo aver stato le sbarre di una finestra calandosi con alcune lenzuola legate tra loro. Disatteso per ora l'appello partito dai legali dei due affinché si consegnino alla polizia.

"Sono veramente sorpreso da quanto accaduto. Spero che Diaconescu ponga fine alla sua fuga quanto prima e in modo spontaneo così da non peggiorare troppo la sua situazione".  Così, ieri, Cristiano Brunelli, difensore di Diaconescu, mentre gli faceva eco Andrea Palmiero difensore Catalin Ciobanu: "Si deve costituire urgentemente visto che abbiamo ancora la possibilita' di dimostrare la sua innocenza nel processo che lo vede accusato di sequestro di personale e morte come conseguenza non voluta".

Intanto la procura di Roma indaga sull'evasione, con il pm Silvia Sereni, anche per appurare eventuali carenze nei servizi di controllo del carcere romano. Sull'episodio il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) ha avviato un'indagine interna. Critiche arrivano dal sindacato che denuncia le scarse condizioni di sicurezza nel carcere. "Una pesante carenza di personale, che si associa a strutture fatiscenti e alla mancanza di strumenti adeguati di supporto alla vigilanza. Quanto accaduto a Rebibbia non ci sorprende", afferma il segretario nazionale della Fp Cgil, Salvatore Chiaramonte, che aggiunge: "Quanto accaduto non è frutto del caso, ma di una serie di condizioni che lo hanno reso possibile".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

E' morto Bernardo Caprotti

E' morto Bernardo Caprotti, patron di Esselunga: l'imprenditore aveva 90 anni

E' stato il fondatore della grande catena di supermercati, presente in 7 regioni italiane

Milano, insediata Tavassi, prima donna presidente Corte d'appello

Milano, insediata Tavassi, prima donna presidente Corte d'appello

"E' una professionista sapiente e laboriosa", ha sottolineato il sottosegretario Ferri

Ragazza senza madre: Grazie a Il Volo per vicinanza a mia famiglia

Ragazza senza madre: Grazie a Il Volo per vicinanza a mia famiglia

"Quando era ancora in vita ascoltava la loro musica", racconta Caterina in collegamento con 'Pomeriggio 5'

Sisma L'Aquila, Bertolaso: Chiedano tutti scusa alla Protezione civile

Sisma L'Aquila, Bertolaso: Chiedano tutti scusa alla Protezione civile

Assolto al processo Grandi rischi bis, l'ex capo della Protezione civile confessa a LaPresse tutta la sua amarezza