Venerdì 25 Agosto 2017 - 09:45

Prefetto: Dovevamo ristabilire la legalità, ora tocca al Comune 

Paola Basilone parla dello sgombero dello stabile occupato da molti migranti e rifugiati in piazza Indipendenza

Prefetto: Dovevamo ristabilire la legalità, ora tocca al Comune 

"Si è trattato di un'operazione di cleaning, di riportare l'ordine a piazza Indipendenza, di ristabilire le regole. Altrimenti, mi chiedo, quale sarebbe il mio compito?". Così la prefetta della Capitale, Paola Basilone, in un'intervista al Corriere della Sera, a proposito dello sgombero dello stabile occupato da molti migranti e rifugiati. "Adesso - aggiunge - il Comune deve fare la sua parte e, insieme agli altri soggetti, assistere i rifugiati come è stato deciso, e ci è stato assicurato proprio dal Campidoglio, nei Comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica che si sono riuniti fino a mercoledì". "Gli aggrediti, fino a prova contraria, sono stati i poliziotti - precisa Basilone -. In quel gruppo di persone da allontanare dalla piazza ce n'erano una trentina che occupavano l'immobile ma che non avevano titoli per ottenere l'assistenza alloggiativa e sanitaria proposta alle altre settanta. Tuttavia con loro c'erano anche tanti altri soggetti infiltrati. Insomma non erano certo rifugiati". Lo sgombero si è reso necessario, spiega, "perché c'era una denuncia dei proprietari e perché c'erano stati diversi provvedimenti di sequestro mai ottemperati. Quel palazzo era nella top list dei 15 palazzi da sgomberare. A Roma sono più di cento, mi fa una certa impressione perché quando ero prefetto a Torino ce n'era uno solo".

Alle accuse alla polizia di aver utilizzato l'idrante contro donne e bambini, Basilone risponde: "Non mi sembra proprio. Quel mezzo è stato usato dalla Questura per evitare che le bombole di butano lanciate dal decimo piano dagli occupanti si incendiassero e scoppiassero. Lo stesso Dipartimento di pubblica sicurezza era informato dell'utilizzo dell'idrante". Quanto invece al poliziotto che ha esortato i colleghi a spezzare braccia, il prefetto sottolinea che "individuarlo e prendere i dovuti provvedimenti non è certo compito mio, ma della Questura".

C'è un problema di legalità, sottolinea Basilone, "ed è quella che dobbiamo ripristinare io e il questore Marino, senza calpestare i diritti umani. Essere un rifugiato non autorizza a commettere reati. Il palazzo è stato sgomberato senza torcere un capello a nessuno. Agli occupanti più fragili era stato consentito di restare al primo piano in attesa che la proprietà dell'immobile mettesse a loro disposizione, in comodato gratuito per sei mesi, villette in provincia di Rieti. Io stessa mi ero resa disponibile in quel periodo a monitorare la situazione e la Regione Lazio a fornire assistenza sanitaria. Era rimasto uno zoccolo duro al quale si sono unite altre realtà legate alla lotta per la casa".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Allarme bomba in via della Conciliazione a Roma

Roma, truffato due volte in un giorno, fa arrestare tre persone

L'uomo è stato preso di mira con il trucco dello specchietto. La seconda volta, gli hanno portato via tremila euro per i danni a un orologio

Roma, allarme bomba in via della Conciliazione

"C'è una bomba in banca": falso allarme in una filiale vicino San Pietro a Roma

Una telefonata anonima con voce femminile al 112 aveva segnalato la presenza dell'ordigno tra via della Concilazione e via San Pio X

Maratona Race for the Cure

Race for the cure, Roma corre in 'rosa' contro il tumore al seno

I partecipanti alla gara di solidarietà della Capitale hanno superato quelli degli eventi in Usa, dove l'iniziativa è nata

Foto tratta da Twitter

Roma, albero di 20 metri cade in viale delle Milizie e danneggia bus

Le fronde hanno infranto un finestrino posteriore dell'autobus dell'Atac