Lunedì 19 Settembre 2016 - 14:45

"Non fumate in metro". E vengono pestati: uno in coma

E' successo a Roma, dove sono stati aggrediti madre e figlio: due arresti

Roma, pestati in metro perché avevano chiesto di non fumare: uno in coma

 A Roma sono stati arrestati ieri pomeriggio dalla polizia due uomini originari di Caserta, accusati di tentato omicidio ai danni di una madre e del proprio figlio. I due,  di 24 e 26 anni, con precedenti di polizia, all`interno di un convoglio della metropolitana, al culmine di una lite scaturita per futili motivi, hanno aggredito due persone colpendole con numerosi calci e pugni. Come raccontato dalla donna, la violenza è scoppiata quando il figlio aveva chiesto ai due di smettere di fumare perché all`interno del vagone. La segnalazione è arrivata alla sala operativa e, quando i poliziotti del commissariato San Lorenzo, Porta Pia e reparto volanti, sono giunti a piazza Bologna, gli autori del fatto si erano già allontanati. 

Grazie alla descrizione fornita però, gli agenti hanno rintracciato gli autori della violenza, poi riconosciuti dalle due vittime. Durante i controlli uno si è dimostrato aggressivo e reticente: ha rifiutato di fornire le proprie generalità e poi ha cercato di divincolarsi, facendo resistenza al poliziotto che lo stava accompagnando e poi colpendo l`auto di servizio. Per questo è stato anche denunciato. I feriti invece, madre e figlio, sono stati accompagnati in ospedale in codice giallo. L`uomo è stato ricoverato con prognosi riservata per trauma cranico, fratture alla scatola cranica ed emorragia cerebrale mentre la madre ha riportato varie contusioni con otto giorni di prognosi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima udienza del processo Mafia Capitale.

Mafia capitale, i giudici: "Nessuna mafiosità autonoma o derivata"

Le motivazioni della sentenza che condannò Carminati a 20 anni e Buzzi a 19 per l'inchiesta Mondo di mezzo

Inaugurazione di 'Inno alla Bellezza' e anteprima dello spettacolo dell'Albero della vita in ex Area Expo

Expo, Anac manda atti a tre Procure

L'anticorruzione ha evidenziato anomalie nella maggior parte delle 25 procedure analizzate per un valore di circa 9 milioni

Brescia, Processo d'appello per Massimo Bossetti

Caso Yara, test dna che inchioda Bossetti valido, analisi irripetibile

Le motivazioni della sentenza con cui i giudici hanno condannato all'ergastolo il muratore di Mapello