Mercoledì 01 Giugno 2016 - 10:00

Roma, paura su Corso d'Italia: bus avvolto dalle fiamme

Il conducente, accortosi del fumo proveniente dal motore, ha subito fatto scendere tutti i passeggeri

Roma, paura su Corso d'Italia: bus avvolto dalle fiamme

Un bus della linea 495 è andato a fuoco su Corso d'Italia, a Roma. È successo intorno alle 8:30, e nessuno è rimasto ferito. L'autista dell'Atac (azienda del trasporto pubblico romano), alla guida del mezzo, ha notato del fumo provenire dal motore mentre percorreva la strada in direzione del Policlinico Umberto I. L'uomo ha fermato il bus ed è sceso per controllare la situazione e non appena si è accorto che il motore andava a fuoco ha fatto rapidamente scendere tutti i passeggeri.

Pochi istanti dopo il bus è stato interamente avvolto dalle fiamme ed è andato completamente distrutto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia e i vigili. Ancora ignote le cause del rogo probabilmente dovuto a un guasto.

Pesanti le ripercussioni sul traffico lungo Corso d'Italia dove per un'ora circa si è viaggiato su un'unica carreggiata. La strada ora è stata riaperta e il traffico è regolare.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Otto persone indagate per blitz Forza Nuova sotto la sede di Repubblica: una è minorenne

Sono state riconosciute con l'aiuto dei video delle telecamere di sorveglianza

Roma, esploso ordigno all'esterno della caserma dei Carabinieri Caccamo

Roma, gli anarchici rivendicano l'attentato alla caserma dei carabinieri di San Giovanni

La bomba è esplosa alle 5,30 in via Birmania. Nessun ferito. La Federazione Anarchica Informale: "Portata la guerra a casa di Minniti"

Spedizione di Forza Nuova sotto la sede di Repubblica

Una dozzina i militanti con bandiere e fumogeni. Su Fb la rivendicazione. Solidarietà da Renzi a Beppe Grillo passando per Giorgia Meloni

Roma, donna trascinata dalla metro: Atac reintegra il macchinista

Il dipendente non sarà impiegato nel servizio passeggeri, ma nella manovra dei treni in deposito