Lunedì 02 Maggio 2016 - 17:00

Roma, manager Usa arrestata per truffa: a giudizio per estradizione

Maryse Alexia Thomas avrebbe sottratto quasi 25 milioni di dollari attraverso frodi telematiche

Roma, manager Usa arrestata per truffa: a giudizio per estradizione

Si è tenuta stamane in Corte d'Appello, a Roma, l'udienza per l'estradizione di Maryse Alexia Thomas, l'imprenditrice statunitense arrestata nei giorni scorsi a Roma a seguito di un mandato di cattura internazionale emesso dal tribunale distrettuale di New York. La bella manager 45enne, ricercata per truffa telematica, secondo i magistrati americani avrebbe sottratto quasi 25 milioni di dollari attraverso truffe alle quali lei si dichiara estranea. Una vita spesa tra moda, televisione e enormi investimenti, durante la quale, secondo quanto scritto dagli inquirenti, la donna avrebbe "utilizzato diversi raggiri ed inganni per ottenere il denaro", presentando inoltre "false dichiarazioni dei redditi, dei beni patrimoniali aziendali e dei conti bancari".

Reati che negli Stati Uniti prevedono pene fino a venti anni di reclusione. La donna è al momento detenuta nel carcere romano di Rebibbia anche se il suo legale, Giovanni Destito, sta valutando una istanza affinché le vengano concessi gli arresti domiciliari. Alle ricerche partite da New York, che si sono concluse a Roma con l'arresto della donna tre giorni fa, hanno contribuito Interpol, guardia di finanza e forze dell'ordine.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Marcello Forte visita la Casa Internazionale delle Donne a via della Lungara

Casa internazionale delle donne, Marcello Fonte: "Spazi come questo vanno difesi"

Il miglior attore a Cannes, insieme alle colleghe Trinca e Filippi, in supporto delle femministe a rischio sfratto dal Comune capitolino

Formigoni in tribunale

Caso Maugeri, accusa chiede condanna a 7 anni e 6 mesi per Formigoni

In primo grado l'ex governatore lombardo era stato condannato a 6 anni per corruzione

Farah è tornata in Italia, Alfano: "Adesso è in un luogo sicuro"

I genitori avevano condotto la ragazza pakistana a Islamabad per costringerla ad abortire